Atessa. Ruba in casa di una vedova e poi si nasconde sotto il letto

E’ stato necessario l’esplosione di un colpo della pistola taser, senza colpire nessuno, da parte dei carabinieri di Atessa (Ch), per bloccare ed arrestare un egiziano di 33 anni che la scorsa notte ha derubato una vedova di 63 anni, residente ad Atessa (Ch).

L’irruzione nell'abitazione della donna, avvenuta alle 2, è stata burrascosa dopo che Hosnj Eslam Ghoneim, questo il nome del giovane straniero, è stato scoperto dalla padrona di casa, che vive sola, che si è allarmata dopo aver sentito rumori sospetti.

L’uomo si era appena impossessato di 15 euro prelevati dal portamonete di lei, che subito ha allertato i militari. Nel frattempo l’egiziano si è messo a gironzolare nelle varie stanze, in via Rue di Piane, per poi nascondersi sotto il letto per cercare di far perdere le proprie tracce. Nel frattempo sono giunti i carabinieri del Norm, coordinati dal capitano Federico Ciancio, e l’extracomunitario, ospite del centro di accoglienza "Il Mulino", è stato scovato. Poi ha reagito con veemenza contro le forze dell'ordine.

A quel punto i carabinieri sono stati costretti a usare il taser per spaventarlo e ricondurlo alla ragione. Alla fine sono scattate le manette per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e furto. Questa mattina, al tribunale di Lanciano, il giudice Maria Teresa Pesca, ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare in carcere dell’uomo, difeso dall’avvocata Clelia Marsilio. 07 lug. 2023

WALTER BERGHELLA

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 5752

Condividi l'Articolo