Lanciano. Dalla Divina Commedia all''Ottobre 1943'... Il genio del fumetto Ernesto Carbonetti
GUARDA LE FOTO

I due romanzi a fumetti (graphic novel) "L’inferno di Dante"  e "Ottobre 1943", la rivolta di Lanciano contro i nazifascisti nella seconda guerra mondiale, sono le ultime due magnifiche opere del fumettista, Ernesto Carbonetti (che tutti chiamano Tino) di Lanciano (Ch).

Il primo, uscito lo scorso 3 maggio, edito dalla casa editrice Il Viandante, è già un successo soprattutto tra i più giovani che vogliono accostarsi ad una lettura alternativa di alcuni canti della Divina Commedia. Il secondo, invece, edito da Caffè Art, è stato presentato, in anteprima, a Lanciano, in occasione dell'ultima Mostra del Fumetto.

Con oltre 30 anni di attività, Carbonetti è già noto, da tempo, nel panorama fumettistico nazionale ed internazionale. In particolare, alla fine degli anni Novanta, periodo in cui egli frequenta l’Accademia Disney di Milano, inizia, per Carbonetti, l'ascesa della sua carriera.

Ha infatti pubblicato lavori anche per case editrici molto note del settore. Ricordiamo, “Lazzaro” per la Magic Press o ancora “Punk is un dead” e il romanzo grafico sui Beatles per la 80144 Edizioni. E non meno importante è stata la sua collaborazione, per alcuni anni, con la famosa Clementoni, per la quale l’artista  ha creato diversi soggetti per videogiochi e app per bambini. Ma come non citare i video musicali che Carbonetti ha realizzato con Utopia Group e uno, appena finito di creare, che sta per essere messo in commercio su piattaforma, in tutto il mondo.

Quando gli chiediamo qual sia la sua fonte d’ispirazione, Carbonetti, tipo di poche parole ma genio della matita, con estrema semplicità, ci risponde: "Tutto. Meglio ancora, lo stesso progetto che devo realizzare”. Insomma, un ennesimo grande talento della terra d'Abruzzo, molto conosciuto e apprezzato fuori dai confini locali.

Marianna Di Desidero

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nelle foto l'artista e un'immagine della Divina Commedia

totale visualizzazioni: 860

Condividi l'Articolo