Travolto da carro attrezzi, muore a Guardiagrele ex arbitro di calcio di Lanciano

E' stato travolto e ucciso da un carroattrezzi, questa mattina, all'alba.

L'incidente è successo intorno alle 5.40 in località Villa San Vincenzo a Guardiagrele (Ch). E' morto così Fabio Oggioni, 52 anni, di Lanciano (Ch).

Da una prima ricostruzione risulta che con la sua Mercedes Classe A, con cui viaggiava in direzione Lanciano, si era fermato in prossimità di una semicurva. Si era accostato per un problema, sembra fosse rimasto a corto di benzina. All'improvviso la macchina, che stava spingendo, è stata centrata e distrutta dal mezzo pesante, guidato da un 56enne di Casoli (Ch). Schianto devastante che non gli ha lasciato scampo: è rimasto schiacciato tra il carroattrezzi e la vettura, che, nell'impatto, è stata catapultata contro un palo della luce. Lui si è accasciato lì a terra, sull'asfalto, senza vita.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, carabinieri e vigili del fuoco ma per lui non c'è stato nulla da fare.

Era dipendente della società regionale di trasporto Tua. "Lavorava nella divisione ferroviaria, in cui si occupava di sicurezza - dice Alessio Giancristofaro, responsabile della comunicazione Tua -. Prima della sede di Lanciano, aveva prestato servizio in quelle di Giulianova e di Pescara. Un dolore immenso, la sua scomparsa". Sulla sua professionalità l'azienda stava puntando.

E' stato arbitro di calcio, associato alla sezione Aia di Lanciano. E' stato allenatore di diverse società sportive dilettantistiche della città. E' stato vice allenatore e preparatore atletico del Casoli e del Borrello. Ultimamente era diventato un analist match: fra schemi e tattiche cercava di spiegare come si muovono le squadre in campo con la regia tattica professata dall'allenatore.

E' stato anche collaboratore di Abruzzolive.tv, per cui ha raccontato il Pescara Calcio, quando militava in A. 

"Fabio era un figlio per me - è il ricordo di Walter Di Gregorio,  che è stato presidente della Sezione arbitri di Lanciano -. Era diventato arbitro all'inizio degli anni Novanta, quando ero presidente di sezione. Era poi diventato guardalinee, in serie D, ed era entrato nel gruppo dirigente sezionale occupandosi della preparazione atletica. Aveva lasciato l'associazione subito dopo il mio avvicendamento alla presidenza, ma siamo rimasti legatissimi. Ragazzo educatissimo, buono, affettuoso, esuberante e pieno di vita; era sempre felice di incontrarmi e parlare dell'andamento della sezione arbitri e della sua passione per il calcio che continuava a seguire come analista. Ciao Fabio, buon viaggio e riposa in pace". 

Abruzzolive.tv esprime il proprio sentito cordoglio a familiari, parenti e amici. 05 feb. 2022

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nella foto Fabio Oggioni

totale visualizzazioni: 17491

Condividi l'Articolo