Lanciano. Minaccia la ex: 'Preparati il vestito per il funerale'. Divieto di avvicinamento con rischio carcere

Un rapporto che è stato sempre burrascoso, pur con la nascita di una figlioletta, poi lei decide di troncare la relazione intenzionata a cambiare vita.

Ma lui, 39 anni, di origine campana, residente in Val di Sangro, manifesta subito rancore e in più occasioni minaccia la ex, di 38 anni, di Lanciano (Ch). In un messaggio le dice pure “Preparati il vestito per il funerale”.

Le minacce di ogni tipo, anche di morte, aumentano sempre più in particolare nel periodo ottobre - novembre scorsi. Poi c’è una pausa; lui ricomincia a tartassarla a dicembre. Il 17 novembre, però, la donna lo ha già denunciato alla polizia di Lanciano.

Gli agenti del commissariato, diretti dal vice questore Miriam D’Anastasio, iniziano le indagini sfociate ieri con il provvedimento cautelare emesso dal gip Massimo Canosa di divieto di avvicinamento dell’uomo alla ex. Scattato il codice rosso, il procuratore capo Mirvana Di Serio chiede e ottiene il provvedimento restrittivo.  Il gip avverte l’indagato, difeso dall’avvocato Maria Ida Piccirilli, che se trasgredisce il divieto di avvicinamento nei luoghi abitualmente frequentati dalla ex compagna andrà dritto in carcere. 

Provvedimento necessario per garantire sicurezza e tranquillità alla vittima. Da impedire qualsiasi forma di contatto tra i due, benché ci sia di mezzo una figlia, che è stata affidata a un parente stretto di lei. Oltre a numerose minacce gravi, l’uomo si è presentato anche sul posto di lavoro di lei. Molti i messaggi telefonici scritti e audio infarciti di pesanti avvertimenti.

Nel 2023 la Procura di Lanciano si è occupata di 78 procedimenti per i reati a tutela delle fasce deboli e sono state applicate 20 misure cautelari personali e 16 divieti di avvicinamento ed allontanamenti da casa familiari, poi una custodia cautelare in carcere e 3 agli arresti domiciliari. 12 gen. 2024

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 5833

Condividi l'Articolo