Maltempo. Comune Lanciano chiude le scuole quando gli studenti sono già in aula: proteste

Un fuoco di critiche, ovunque. A Lanciano (Ch) è l'argomento del giorno. 

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Il Comune ha emanato e diramato l'ordinanza di chiusura delle scuole stamattina, intorno alle 9-9.15, quando gli istituti erano già aperti e i ragazzi in classe. Per la cronaca la maggior parte delle amministrazioni civiche aveva provveduto ieri sera per una perturbazione a carattere nevoso annunciata con congruo anticipo dalla Protezione Civile.

E le proteste in città sono state numerose. "Non è arrivato il provvedimento del sindaco di sospensione causa neve, - dice una insegnante - né sono state spazzate le strade. C'erano autobus di traverso… Alla prima ora a scuola c’era la metà dei docenti perché non erano riusciti ad arrivare e non erano giustificati perché non c’era l'ordinanza". 

"Dite a Paolini - afferma un gruppo di genitori - che le scuole a Lanciano aprono alle 8.10 e alle 8.15 già fanno lezione".

Ed è un alluvione di ironia sulla pagina social del sindaco Filippo Paolini: "Per i ragazzi che sono già entrati a scuola mettete un mezzo a disposizione per riportarli nei paesi limitrofi oppure devono partire i poveri genitori?", "Con calma...", "Grazie... Appena portata nostra figlia a scuola e  chiamati dai collaboratori scolastici per l'arrivo della tempestiva ordinanza", "Grazie mille, potevate firmare anche stasera. Complimenti per il tempismo"; c'è anche chi la butta sul sarcastico: "Sindaco... la sera a letto presto e la mattina la sveglia alle 6". 

"La prossima volta - scrive il consigliere d'opposizione Davide Caporale - consiglio di alzarsi prima, per rispetto dei cittadini e di chi lavora. Chiedo scusa alle tante famiglie che hanno segnalato questo disagio". 

Di fatto tanti genitori si sono messi in auto, con le strade ancora piene di neve, oppure hanno caricato figli sui bus dai centri limitrofi per mandare i figli a scuola. Nessuna ordinanza alle 7 o 7.30, la scuola si fa, hanno pensato in tanti. Dopo l'entrata in aula, la sorpresa... "Il sindaco sta decidendo per la chiusura...". Adesso? Alle 9 mentre i ragazzi sono in classe? Solo che, hanno fatto notare alcune insegnanti, al Liceo classico "Vittorio Emanuele", adesso "i minorenni possono uscire solo se accompagnati...". Indietro tutta allora, per i genitori full time....

Fra imprecazioni e sfottò la perturbazione ha poi dato armistizio, armistizio non social: "Eppoi dicono che è una amministrazione lenta. Direi lentissima...". Per chiudere con "Rimettete la sveglia un'ora prima".

SERENA GIANNICO e ALESSANDRO DI MATTEO

@RIPRODUZIONE RISERVATA 

Foto URANIO UCCI

totale visualizzazioni: 5743

Condividi l'Articolo