Lanciano. E' morto 'Otello', il 'papà' dei giocattoli
GUARDA LE FOTO

Se n’è andato in silenzio. Con tutta la sua storia lancianese. E' morto ieri Guerino Rapini, 90 anni. Per tutti era 'Otello', il giocattolaio.

Per quasi 43 anni il suo negozio è stato un cult per i giocattoli dei bambini di Lanciano e dintorni, dapprima nel locale in corso Trento e Trieste (accanto la gioielleria Petragnani) e poi in quello fra via De Crecchio e via F. Filzi. Il nonno Guerino iniziò nel 1920 a fare spola fra Lanciano e Pescara da ambulante di giocattoli. Successivamente, nel 1962, il padre di Guerino, Otello, aprì l’attività “Casa del Giocattolo Otello”. 

La sua attività è stata la prima in città a vendere giocattoli. Lì dentro entravi in un regno di avventure: soldatini, costruzioni Lego, tombole, archi, frecce, trenini, palloni di ogni tipo. E soprattutto per Natale Rapini era un appuntamento fisso per i “Babbo Natale” in cerca di fantasia e consigli per i regali da mettere sotto l’albero. Alla domanda: “Ma questo dove lo hai comprato?” puntualmente il lancianese poteva rispondere: “Come dove? Ma da Otello!”. Un punto di riferimento unico per la “città dei bambini”.

A maggio del 2005 Rapini ha chiuso la sua attività, “schiacciato” da una concorrenza selvaggia dei centri commerciali che aprivano come funghi a Lanciano.

Rapini lascia la moglie Lina e i figli Assunta e Otello. I funerali si svolgeranno nella chiesa di S. Lucia a Lanciano sabato 22 luglio alle 16. 22 lug. 2023

ALESSANDRO DI MATTEO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2637

Condividi l'Articolo