Incubo furti a Torre Sansone di Lanciano. I cittadini si difendono come possono. 'Ma le telecamere?'
GUARDA LE FOTO

E' incubo furti nelle case delle contrade di Lanciano (Ch). Da tempo, ad intervalli regolari, le abitazioni che circondano il centro città vengono “visitate” da ignoti che fanno manbassa di preziosi e contanti destando allarme e preoccupazione. Nelle ultime settimane si sono registrati numerosi furti nella zona concentrata tra la contrada di Torre Sansone, nel territorio di Lanciano, e quella di Sacchetti che rientra nel comune di Treglio (Ch).

E' tardo pomeriggio quando arriviamo in zona. Lingue di fuoco si stagliano in un limpido cielo ci ricordano che sta arrivando la primavera. Procediamo molto lentamente. Apparentemente sembra che non ci sia nessuno, ma il vibrare di qualche tenda da dietro le finestre delle abitazioni rivela che siamo osservati. Parcheggiamo e scendiamo dall'auto. Appena messo un piede sull'asfalto siamo accolti dai latrati di numerosi cani da guardia.

Un anziano signore sta sistemando una catasta di legna fuori dalla sua casa, ci avviciniamo. Quando siamo ad un paio di metri di distanza lui alza un braccio: è un segnale... Notiamo che alle nostre spalle tra il fogliame degli alberi c'è qualcuno che osserva. Iniziamo a parlare dei furti. Il pensionato si scusa per il suo modo di fare, ma dice che la situazione è grave, gli allarmi si susseguono e stanno cercando attraverso la collaborazione di segnalare "presenze" anomale. Mi indica un'abitazione vicina. "Lì ci sono stati la settimana scorsa, era ora di cena, sono arrivati dalla parte opposta, dalla campagna e si sono arrampicati lungo il canale di gronda – spiega, e poi continua -: sono saliti al piano di sopra mentre sotto stavano cenando, non si sono accorti di nulla, ed hanno arraffato quanto hanno potuto. Qui siamo dimenticati da tutti, vengono solo in periodo elettorale a chiedere i voti ed a promettere le telecamere, ma anche se dovessero metterle, mica le puoi piazzare in campagna... Io ho circondato la mia abitazione con le luci, almeno se dovesse avvicinarsi qualcuno è più facile notarlo. La maggior parte dei furti è avvenuta tra le 18 e le 21. Adesso agiscono sui contatori della luce, staccano i cavi per disattivare gli allarmi e si introducono nelle abitazioni, come faranno a vedere al buio non lo so".

Intanto si è avvicinato anche l'altro uomo che faceva da vedetta... Anche lui riferisce della tensione che si vive, ci spiega che si susseguono periodi di calma ad altri in cui i ladri le inventano tutte. Lui preferisce difendersi "con gli allarmi... a quattro zampe": - Ho due cani, ed anche belli grossi, a loro non puoi staccare la corrente – ed ancora –. Le ultime abitazioni colpite sono quelle vicino la chiesetta di Torre Sansone, ma hanno ripulito, nel tempo, l'intera zona. Su quanto è accaduto ed accade, sono state sporte denunce ci sono indagini in corso, ma sappiamo che sarà molto difficile venirne a capo. C'è chi sta mettendo le inferriate alle finestre, ma è giusto trasformare la propria abitazione in una prigione per difendere magari i ricordi di una vita?" 17 mar 2024

URANIO UCCI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 4158

Condividi l'Articolo