Pedinamenti, offese e minacce all'ex compagno: nei guai una 55enne di Lanciano

La matematica è decisamente contro gli uomini per gli innumerevoli comportamenti persecutorie e violenti contro le donne, macapita anche che sia il gentil sesso ad incappare nel reato di stalking.

Difatti, stavolta è una signora di 55 anni, di Lanciano (Ch), ad avere avuto il provvedimento cautelare di divieto di avvicinamento al suo ex compagno, di 58 anni, pure di Lanciano. Lo ha deciso il gip del tribunale, Massimo Canosa, su richiesta del pm Serena Rossi, a seguito di indagine della polizia.

Dopo essere stata lasciata, lei ha reso la vita impossibile all’uomo per oltre sei mesi. Fine relazione burrascosa considerato che la donna non l’ha proprio accettato, divenendo molto arrabbiata. La fine della storia tra loro ha fatto scaturire una vera ossessione nell’indagata, la quale, per un lungo periodo, ha continuato a tormentarlo attraverso whatsapp, telefonate notturne e pedinamenti, anche con minacce e frasi ingiuriose proferite pure per strada.

Anche il figlio di lui è stato offeso. L’altra sera gli agenti della sezione anticrimine del commissariato hanno dato esecuzione al provvedimento restrittivo.

La vittima ha denunciato di essere stata oggetto di sistematiche condotte ossessive e offensive persecutorie. Negli ultimi anni sono state 7 le donne finite nelle maglie della giustizia frentana per analoghi comportamenti di maltrattamento e minacce a danno di ex mariti, compagni o fidanzati. 14 gen. '23

WALTER BERGHELLA

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2050

Condividi l'Articolo