Atessa. L'ospedale di area disagiata c'e'. 'Riparta subito il Pronto soccorso'
GUARDA LE FOTO
"In aderenza alla programmazione delineata dalla delibera di Giunta regionale del 25 ottobre 2018 si sollecita codesta Direzione a ripristinare con immediatezza, nel presidio ospedaliero di Atessa, il servizio di Pronto soccorso ed i ricoveri di area medica". Così, con nota datata oggi, ed inviata alla direzione della Asl Lanciano Vasto Chieti, l'assessore regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, ufficializza il riconoscimento del "San Camillo De Lellis" di Atessa (Ch) come presidio di area disagiata. 

La lettera, con le nuove disposizioni (foto in alto), è stata inviata al direttore generale Asl, Pasquale Flacco; a quello amministrativo, Giulietta Capocasa e al direttore sanitario, Vincenzo Orsatti. Via, quindi, alla riapertura del Pronto soccorso, "nell'ottica della progressiva implementazione dei servizi e delle attività da garantire negli ospedali di zona disagiata - evidenzia ancora Paolucci -, ai sensi del decreto ministeriale 70 del 2015". Riconoscimento che giunge dopo una lunga battaglia. "Questi - dice il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli- sono fatti e non chiacchiere. Lasciamo ai disfattisti, e ai polemisti a tutti i costi, la propaganda e il tentativo di inquinare il risultato e mistificare la realtà. Il giudizio finale lo daremo quando vedremo riaprire i reparti. Oggi ci sono tutte le condizioni. Nei prossimi giorni ne parleremo pubblicamente, in Atessa, con l’assessore Paolucci
e i vertici Asl. Noi andiamo avanti sulla strada tracciata un anno fa dalla giunta, dal Consiglio comunale e dai sindaci del nostro territorio”.
21 novembre 2018

@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 1073

Condividi l'Articolo