Ancona. Recuperata a 70 metri di profondita' la salma del gruista Eni di San Salvo
GUARDA LE FOTO

E' stato recuperato questa mattina, dai vigili del fuoco, negli abissi marini, a 70 metri di profondità, la salma di Egidio Benedetto, 63 anni, originario di Montenero di Bisaccia (Cb) e residente a San Salvo (Ch). Un'esperienza ultradecennale e, ieri, era al suo ultimo giorno di lavoro sulla piattafoma estrattiva di gas dell'Eni, al largo di Ancona. Ci è morto. Altri due operai, in un terribile incidente, mentre erano a bordo del supply vessel sono rimasti feriti

La vittima era nella cabina di comando di una gru, che stava manovrando per spostare un bombolone di azoto. Il mezzo meccanico ha ceduto, trascinando l'abitacolo in mare con il lavoratore dentro, mentre il braccio meccanico e il bombolone si sono adagiati sull'imbarcazione. Per l'uomo nessuna possibilità di scampo: è annegato, trascinato a fondo.

Un errore nell'organizzazione dell'esecuzione del lavoro. E' una delle prime ipotesi al vaglio della Procura di Ancona e degli investigatori della Capitaneria di porto. Il pm Irene Bilotta ha disposto l'autopsia e conferito l'incarico ad un medico legale.

Nelle foto le oeprazioni di recupero della salma, la vittima e la piattaforma Eni

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1149

Condividi l'Articolo