Anziana derubata degli orecchini in casa di riposo di Altino. 'Sfilati dopo il decesso'

"Abbiamo portato mia nonna in quella struttura il primo agosto scorso. Due settimane dopo, nella tarda serata del 14, ci hanno telefonato dicendo che era morta. Quando siamo andati a riprendere la salma ci siamo accorti che le erano stati asportati gli orecchini che indossava da tutta la vita, che erano stati un dono di sua mamma. Non siamo riusciti a riaverli".

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Bruno Bracalante, nato a Lanciano (Ch) e residente a Villalfonsina (Ch) racconta ad Abruzzolive.tv, i giorni del lutto, segnati da un furto "che ci ha lasciati davvero amareggiati e sconcertati". Un fatto per cui è stata sporta denuncia e su cui ora ci sono indagini in corso. 

Maria Ulisse, di 95 anni, di Villalfonsina, si è spenta nel centro "Villa Aurora" ad Altino (Ch), di cui era ospite da poco. "Il giorno dopo il decesso, il 15 agosto - riprende il nipote -, insieme agli altri familiari, sono andato nella casa di riposo e, con sorpresa, ho scoperto che la nonna non aveva più indosso i suoi amati e inseparabili orecchini a cerchietto. Ho chiesto subito spiegazioni ai responsabili della residenza anziani, dato che era sempre stata particolarmente legata a quei piccoli gioielli, che per lei avevano un immenso valore affettivo. Per questo avremmo anche voluto metterglieli nella bara. Ma a parte un: "Adesso vediamo...", non abbiamo ottenuto alcuna concreta risposta. "Domattina chiamo... - ho fatto presente - , prima di sigillare la cassa... Ho telefonato, il 16 agosto, sul presto, e insistito e chiesto chi e perché le avesse sfilato gli orecchini e dove questi fossero finiti, ma nulla.... Sono rimasti nel vago, senza dare spiegazioni. A quel punto - continua l'uomo -  ho dovuto arrendermi, anche perché, alle 10, c'erano i funerali di nonna...".

"Il 17, dopo le esequie, sono tornato di nuovo alla carica. Sballottato dal direttore alle varie figure che mandavano avanti il centro... ma degli orecchini nessuna traccia. Mi hanno ribadito che quegli orecchini non li aveva notati nessuno... "Forse quando è venuta qui non li portava...", hanno azzardato. Ma il 9 agosto noi siamo stati a trovare nonna e abbiamo scattato anche delle foto che testimoniano che li aveva addosso. E il giorno successivo, il 10, mio cugino ha effettuato con lei una videochiamata in cui gli orecchini si vedono, eccome... Alla fine, dietro insistenze, mi è stato sbattuto in faccia: "La struttura declina qualsiasi responsabilità da quanto accaduto, come può vedere nel contratto che ha firmato". Che, in un punto, recita che "la residenza per anziani declina ogni responsabilità in caso di furto e/o smarrimento di denaro e preziosi conservati nelle stanze degli ospiti. "Ma quegli orecchini - ribatte Bracalante - non erano riposti nella sua camera, lei li aveva alle orecchie e qualcuno glieli ha tolti, credo dopo che si è spenta". 

"Ho fatto altre telefonate, tutte inutili e vaghe... "Le facciamo sapere noi...", sono stato alla fine congedato. Ho atteso giorni, nessuno mi ha ricontattato. Così il 25 agosto mi sono recato nella caserma dei carabinieri di Casalbordino (Ch) a denunciare questa vergognosa vicenda". Per competenza territoriale degli accertamenti si stanno occupando i militari della compagnia di Lanciano (Ch). 23 set. 2022

SERENA GIANNICO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3626

Condividi l'Articolo