'Né farfalle né leoni. Lo sport e i modelli sbagliati': incontro a Lanciano

Lo sport e i modelli sbagliati, lo sport che offende e ferisce ragazze e ragazzi. No allo sport che può danneggiare la crescita in adolescenza. Sì allo sport sano, che educa allo spirito di gruppo e alla giusta competizione.

Si parlerà di questo nel corso dell'incontro promosso dalla Onlus "Maria Luisa Brasile" di Lanciano, in programma domani 22 dicembre alle 17.30 nel salone della Casa di Conversazione, e dal titolo "Farfalle, leoni e lo sport che umilia. Ma un agonismo sano è ancora possibile". Si tratta di un'iniziativa che trae spunto dagli episodi denunciati dalle ragazze della ginnastica ritmica che hanno messo in luce comportamenti che nulla hanno a che fare con la bellezza dello sport.

Com'è noto, l'associazione "Maria Luisa Brasile" ha scelto l'educazione come ambito del proprio impegno sociale, cogliendone i risvolti nei diversi temi proposti dall'attualità.

"La denuncia delle 'farfalle' ci ha offerto lo spunto per un momento di approfondimento sul corretto approccio allo sport  - sottolinea la presidente Licia Caprara - e sull'importanza di questo nella formazione dei ragazzi. Abbiamo pertanto organizzato un incontro pubblico per parlare di come sia ancora possibile l'educazione dei ragazzi alla pratica sportiva nel rispetto della loro dignità e del loro percorso di crescita. Sarà l'occasione per presentare anche una iniziativa portata avanti dall'Università di Chieti che offre supporto gratuito alle società per favorire la consapevolezza, in ambito sportivo, della necessità di contrastare l'esposizione dei minori alle diverse forme di violenza che possono perpetrarsi in questi contesti e degli effetti negativi che possono incidere su un armonico sviluppo psicologico e fisico".

All'incontro, patrocinato dal Comune e con il contributo del centro diagnostico 'Madonna del Ponte', partecipano Antonio Martorella, presidente dell'associazione Curi Pescara, che porterà l'esperienza felice della loro società e il lavoro portato avanti con i ragazzi; Fabrizia D'Ottavio, argento olimpico di ginnastica ritmica, una delle "farfalle" ad Atene 2004; Eide Spedicato, sociologa e Lilybeth Fontanesi dell'Università di Chieti per il progetto "Safe Place, safe play".

Sono stati invitati  i rappresentanti delle società sportive del territorio, le famiglie, le scuole di danza, i coach: l'impegno comune, di tutti, potrà essere di grande aiuto per restituire allo sport praticato in adolescenza l'integrità dei valori che lo ispirano da sempre. 21 dic. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1087

Condividi l'Articolo