Ucraina. Lanciano mobilitata per raccogliere aiuti da inviare alle popolazioni colpite dalla guerra

Il grande cuore di Lanciano (CH) in aiuto alla popolazione sofferente dell’Ucraina posta da giorni sotto attacco armato dalla Russia di Putin.

Ieri sera, in poche ore, raccolta una enorme quantità di donazioni: dall’alimentare, ai servizi alla persona, indumenti per bambini e adulti e altro ancora. Il centro di raccolta, promosso dai volontari ucraini di Lanciano, è stato allestito nel salone parrocchiale del Sacro Cuore, ad Olmo di Riccio.

Stamani appello del sindaco Filippo Paolini: “Si sta consumando una grande tragedia nell’Est europeo vicino alla nostra realtà. Come primo cittadino sento la necessità di creare una sensibilizzazione di tutti intorno alla grande tragedia che vive il popolo ucraino, costretto a subire una guerra, e contro questa guerra e tutte le guerre invito ad aderire al messaggio e alla volontà di papa Bergoglio, che ha chiesto di pregare e fare di più. Chiedo di aderire anche all’invito dell’arcivescovo Emidio Cipollone per mercoledì delle Ceneri, 2 marzo, di pregare e fare digiuno. Mi sembra - conclude Paolini - un’occasione per dare un messaggio forte per la pace del mondo e in particolare per quella zona di guerra".

Quanto al vescovo Cipollone ha annunciato una raccolta di fondi da parte della Diocesi di Lanciano - Ortona. “La Caritas – dice il presule – raccoglierà fondi, tramite le parrocchie, anche per aiutare concretamente il popolo ucraino. Bisogna aprire il cuore al dono e alla pace. Dobbiamo camminare per sentirci in pace. Quella Frentana è una  chiesa in cammino e in ascolto delle fragilità e delle famiglie”.

Sui generi di prima necessità a Lanciano è partita da una catena di condivisioni sui social. Anche la Lega ha invitato alla massiccia partecipazione. L’invito alla solidarietà è prontamente giunta per prima dall’associazione UnitixLanciano la cui portavoce  Patrizia Bomba, ex assessore al Commercio, precisa: “Intorno alle popolazioni ucraine che stanno vivendo ore drammatiche, siamo umanamente vicini a tutta la comunità ucraina presente a Lanciano e nei dintorni. In attesa di capire come aiutare concretamente i profughi, anche ospitandoli a Lanciano, invitiamo a partecipare alle numerose raccolte fondi organizzate dalle associazioni umanitarie”. Il consigliere di Progetto Lanciano, Giacinto Verna, anch’egli ex assessore ai Lavori pubblici, aggiunge : “Come Azione, insieme e d’accordo con i colleghi della minoranza consiliare, chiediamo che la nostra amministrazione si attivi con tutte le iniziative possibili, sia simboliche sia pratiche, utili a manifestare solidarietà e vicinanza al popolo ucraino. Penso innanzitutto a gesti piccoli ma di impatto, come l’esposizione della bandiera dell’Ucraina sul palazzo municipale o l’illuminazione con i colori nazionali ucraini”. 28 feb. 2022

Walter Berghella 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1889

Condividi l'Articolo