Vasto, ecco cosa fare se il maiale vuoi ammazzare
GUARDA LE FOTO
Il Comune di Vasto (Ch) ha emesso un’ordinanza per disciplinare la macellazione domiciliare dei suini, per il periodo che va dal 1 dicembre prossimo al 28 febbraio 2019. Come noto, in molti posti in Italia e in Abruzzo, e in special modo nel Vastese, vige l’antica tradizione contadina dell’uccisione del maiale, vissuta al pari di una festa speciale, che coinvolge intere famiglie, parenti e amici più stretti. I proprietari dei maiali, dopo averli allevati e nutriti con tutte le attenzioni, li “sacrificano” per trasformarli in prosciutti, salsicce, lonze e ventricine, pancette e leccornie varie, da gustare durante tutto l’anno, specialmente nelle ricorrenze particolari e nei momenti conviviali, oltre che omaggiarne ospiti particolari. E’ evidente che questa pratica va eseguita, oltre che seguendo la tradizione, anche in ossequio alle regole esistenti in materia igienico-sanitaria.

Nel provvedimento numero 832/2018 (nella foto) il sindaco, Francesco Menna, su richiesta specifica ricevuta dal competente ufficio della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, dispone che è consentito ai proprietari di suini e/o privati cittadini, che non possono servirsi di impianti di macellazione riconosciuti, di macellare a domicilio ai soli fini del consumo domestico privato, escludendone come fine la vendita, per un numero massimo di 4 suini adulti del peso sopra i 25 kg, oppure 10 suinetti di peso inferiore ai 25 kg, per il periodo compreso tra il 1 dicembre 2018 e il 28 febbraio 2019. Chi intendesse “uccidere il maiale” dovrà attenersi ai seguenti adempimenti, volti ad escludere rischi per la salute umana e animale, trattandosi di cibo: innanzitutto effettuare un versamento dei diritti sanitari pari ad 7,75 euro per ogni capo; in caso di riscontro nell’animale di eventuale alterazione fisio-patologica, informare il medico competente per territorio, per consentirgli di stabilire o meno la macellabilità del suino; abbattere l’animale con mezzi riconosciuti idonei, senza arrecargli dolori, ansia o sofferenze evitabili e nel rispetto della normativa; portare entro 24 ore dalla macellazione, dalle ore 9.00 alle ore 11.00, all’ufficio Veterinario di Vasto, in via Marco Polo, 55/A, la lingua, il glottide, il polmone, il cuore, il diaframma, il fegato, la milza, i reni ed una parte muscolare proveniente dal moscolo della spalla, o dagli psoas, o dai masseteri o dal piatto della coscia, di ogni animale macellato; attendere le risultanze ispettive per il consumo delle carni; qualora le stesse venissero dichiarate non idonee al consumo umano dovranno essere distrutte. 
25 novembre 2018

 Stefano Suriani

 @RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 784

Condividi l'Articolo