Lanciano. Prima campanella: la carica degli 8mila studenti

Nuovo anno scolastico a Lanciano (Ch): in aula si va in tutta sicurezza, sia dal punto di vista sanitario che ambientale.

Il Comune ha infatti predisposto un massiccio monitoraggio sul Covid 19 attraverso uno screening con tampone antigenico a studenti, genitori ed insegnanti. Ben 10 mila i tamponi che saranno messi a disposizione dalla Asl. Lo screening è stato programmato al Pala Masciangelo per i giorni 10 e 11 settembre ed è rivolto agli studenti frequentanti le scuole cittadine di ogni ordine e grado, quasi un esercito di 8 mila allievi.

Le scuole di competenza del Comune, dall’infanzia alle medie, è forte di 3.472 alunni, 89 in meno dello scorso anno. Alcuni istituti hanno aperto oggi, giovedì, mentre il grosso va sui banchi giorno 12, come da calendario regionale. Tutto pronto anche per la partenza delle mense e dei trasporti, ed inoltre progetti innovativi sono stati predisposti dall’assessore all’Istruzione, Angelo Palmieri, che ne ha discusso  qualche giorno fa con i dirigenti scolastici.

Riparte "Piedibus" a cui si aggiunge la creazione d innovative strade scolastiche, ossia aree di rispetto, in via sperimentale, davanti a quattro scuole: le medie Mazzini e D’Annunzio, Principe di Piemonte ed Eroi Ottobrini. Alcune aree sono state ampliate. "Mettiamo finalmente un argine all'inciviltà quotidiana diffusa davanti alle scuole con la prepotenza invadente e pericolosa delle auto e di chi le guida – dice Franco Mastrangelo, coordinatore di Piedibus e 100 Alberi -. La città e quanti la vivono potranno solo migliorare. Un provvedimento che stiamo chiedendo da anni e sul quale abbiamo sempre dato il nostro contributo di idee e di collaborazione fattiva. Tutto questo principalmente per la salute e la sicurezza". Altri due nuovi progetti sono quello musicale, in collaborazione con la Scuola civica, presieduta dal maestro Roberto De Grandis, e ambientale, con Ecolan, per l’identità e spendibilità ambientale.

"Sono sette le scuole inserite, anche da Fossacesia – dice l’assessore Palmieri - . Mense e trasporti partono subito ma c’è già la richiesta di aumentare il budget a seguito delle batoste energetiche ed alimentari. Le due ditte delle mense chiedono subito il 15% di aumento, su 134 mila euro mensili, perché sostengono di non farcela. Aspettiamo i dati Istat di gennaio che dovrebbero attestarsi sul 10% di aumento. Abbiamo anche incontrato la Asl per fare le verifiche dei costi alimentari". Quanto agli interventi edilizi non vi sono grandi problemi strutturali. "A Principe di Piemonte, dove rientrano anche le classi dell'Infanzia trasferite per la pandemia, si sta ripristinando un’aula, mentre alla primaria di Olmo di Riccio va aggiustato un ascensore che non funziona. Poi andremo avanti con gli interventi, programmati e finanziati, antisismici e antincendio – continua Palmieri - . Un rientro a scuola nella normalità nei vari plessi, in quando già da maggio scorso ho effettuato sopralluoghi".

Quanto allo screening il sindaco Filippo Paolini afferma: "Va assolutamente evitata che la pandemia possa ripartire. Siamo gli unici a farlo per questo dobbiamo continuare ad essere molto attenti sulla trasmissione del virus".  08 set. 2022

WALTER BERGHELLA

@RIPRODUZIONE VIETATA  

totale visualizzazioni: 1027

Condividi l'Articolo