Da Lanciano in Etiopia per inaugurazione di una stalla per allevamento bestiame

Nuova missione in Africa per il "Progetto Etiopia onlus Lanciano", presieduto da Angelo Rosato.

Ieri un gruppo di volontari è partito per il Guraghe, nel sud-ovest dell'Etiopia, a 300 chilometri da Addis Abeba.

"Il nostro impegno umanitario in Etiopia - dice Rosato ad Abruzzolive.tv -  compie 17 anni di e in questo lungo periodo abbiamo realizzato otto scuole, tre pozzi con profondità di 120 metri e portato medici e infermieri professionali in loco; fatto operare in Italia un bimbo, Abrham, che aveva  voillto dilaniato da una iena".

Domenica 19 marzo l’inaugurazione di una grande stalla in muratura realizzata insieme con una associazione della Cia, ossia "Rruralità e solidarietà". "Una grande collaborazione tra persone di profonda sensibilità e visioni comuni e condivise".

"In questi anni di Covid - rimarca Rosato -  abbiamo continuato le nostre attività e soprattutto abbiamo sostenuto con le adozioni a distanza e l’aiuto dei benefattori da tutta l’Italia, i tanti bambini delle scuole. Con alcune scuole di Lanciano sosteniamo i maestri della scuola di Agamsa".

Con cibo acquistato sul posto e sostegno vario, compreso l’accantonamento su libretti di deposito in Etiopia, di piccole somme, i bambini vengono aiutati affinché un giorno, per il loro futuro scolastico o di attività lavorative, possano realizzare i loro sogni.

Del gruppo stavolta fanno parte anche la dottoressa Sandra Di Fabio, responsabile di Neonatologia all’ospedale "San Salvatore" dell'Aquila con alcune collaboratrici professionali, e poi il direttore generale della Cia Abruzzo, Mariano Nozzi, anche presidente di "Ruralità e solidarietà".

"Il 24 marzo, alle 17, di ritorno dalla regione della popolazione dei Guraghe - conclude Rosato - saremo ricevuti dal vice ambasciatore dell’Ambasciata italiana in Addis Abeba". 18 mar. 2023

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 10726

Condividi l'Articolo