Lanciano. Nel quartiere Santa Rita il rinnovato campo di calcio 'Marcello Di Meco'
GUARDA LE FOTO

Poco meno di una settimana fa inaugurato il bocciodromo, ieri mattina presentato il rinnovato campo sportivo intitolato allo scomparso "Marcello di Meco" nel quartiere Santa Rita di Lanciano (Ch). 

L'amministrazione Pupillo centra obiettivi programmati nel settore dello sport prima delle prossime elezioni comunali. "Non sono inaugurazioni elettorali – precisa il vice sindaco Giacinto Verna -. I lavori al "Di Meco" si sono conclusi cinque giorni fa". Ed ecco una struttura con maquillage rifatto a disposizione di attività sportive, socializzazione e aggregazione. Fra una settimana l'inaugurazione ufficiale con un partita di calcio in notturna, ospiti la Federazione italiana giuoco calcio e società. 

Il campo ha ora un manto in erba sintetica da mezzo milione di euro, nuovo e raddoppiato spogliatoio, recinzione e servizi vari; pure un mini campo sintetico per ragazzini.

Sul vecchio terreno Marcello giocava il 3 marzo 2005 con la sua squadra degli Allievi della Spal Lanciano, quando improvvisamente si è sentito male e poi il dramma: un’ aneurisma cerebrale l'ha strappato, a soli 15 anni,  ai suoi amici e all'amata famiglia. Il papà Alessio Vittorio ha ringraziato tutta l’amministrazione del traguardo raggiunto e ha detto: "E’ un vestito nuovo della festa che ridà onore a Marcello che, senza questo impegno di tutti e di quanti amano lo sport e Lanciano, sarebbe rimasto come un abito ingrigito, raffazzonato e lacero che non avrebbe rispecchiato il suo volere. Adesso con questa veste è come se fosse rinato in una nuova Pasqua di giubilo per lui, di orgoglio di appartenenza per tutti i cittadini, in special modo gli abitanti del quartiere". Per il sindaco Mario Pupillo l’impianto: "E’ a norma e di ultimissima generazione, anche con una strada di collegamento e parcheggio asfaltato. Quasi 1 milione di euro per quello che diventerà il principale campo di calcio in erba sintetica della città. Il grazie più grande va a Vittorio Di Meco, papà di Marcello, custode dell'anima di questo campo, nonché dei valori più profondi e autentici dello sport e del valore sociale soprattutto per i più giovani".

L’assessore allo Sport, Davide Caporale  ha  rimarcato: "E’ un gioiello nel cuore del quartiere. Per realizzare questo impianto è stato fatto un gioco di... squadra". Per Giacinto Verna, vice sindaco: "Col nuovo campo restituiamo anche un luogo di socialità e aggregazione. Se è vero che non esiste più il campo Esposito di Villa delle Rose, è altrettanto vero che un nuovo campo in sintetico c’è qui, ora. Di nuovo disponibile anche il campo di Re di Coppe".  05 ago. 2021 

Walter Berghella

@RIRPODUZIONE VIETATA

 

totale visualizzazioni: 1019

Condividi l'Articolo