Fossacesia e lo stabilimento balneare che scatena l'ira sui social. Controlli di Capitaneria e Finanza
GUARDA LE FOTO

Uno stabilimento balneare che, a Fossacesia (Ch), spunta a un passo dal bagnasciuga e i social... "esplodono" d'ira. "Basta con gli obbrobri e la cementificazione dissennata del litorale": la protesta è dura e scatena il putiferio.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Questa mattina, sul posto, gli ambientalisti del movimento Nuovo Senso Civico e la Capitaneria di porto di Ortona che sta effettuando verifiche. Attiva anche la Guardia di finanza. La struttura nel mirino "è mia - spiega l’imprenditore Paolo Paolucci, di Lanciano, su Facebook -. Si tratta di uno stabilimento in legno, su fondazioni in calcestruzzo, così come avvenuto per altri che ci sono sul demanio. Ho seguito l’iter richiesto in modo semplice e trasparente. Mi spiace si stia sindacando su un intervento uguale ad altri fatti pochi metri più in là…".

"I permessi ci sono tutti, a partire da quelli comunali. E poi della Sovrintendenza, del Demanio, della Regione - fa presente Paolo Bomba, il direttore dei lavori -. Lo stabile, di circa 80 metri quadrati, nasce da un bando vinto nel 2008 - prosegue -. Nel frattempo però l’erosione della spiaggia, con avanzamento del mare, ha ridotto le distanze. Adesso c’è pure la mareggiata, arrivata da sud,  a far sembrare la situazione impattante e allarmistica". La distanza dal mare del complesso - si fa notare - è di circa 10 metri, quando le norme ne prevedono un minimo di cinque. "Con i nostri tecnici abbiamo effettuato le misurazioni - spiega Alessandro Lanci, leader di Nuovo Senso Civico - e le distanze paiono essere state rispettate. Certo è impressionante vedere una costruzione a ridosso dell’acqua, che è anche avanzata a causa delle mareggiate di questi giorni, rendendo la situazione più sconcertante". Il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, dice: "Il parere favorevole è arrivato dall’Ufficio tecnico municipale, in base anche ad un Piano Spiaggia che ho ereditato". Ma che avrebbe potuto anche essere comodamente modificato.

"Sono diversi i centri della Costa dei trabocchi - riprende Lanci - in cui si incappa in opere dubbie". Anche a ridosso della pista ciclopedonale. Ecco gli ormai celebri "bagni" con vista mare sempre a Fossacesia, nell’area della vecchia stazione ferroviaria, o spianate di cemento a Rocca San Giovanni a cura di titolari di attività di ristorazione.

"E’ necessario - rimarca Lanci - che lo sviluppo turistico non sia dissennato, ma che viaggi a braccetto con la tutela del territorio”. Il fatto che gli enti preposti abbiamo dato l'ok, non placa comunque contestazione e rabbia. Soprattutto sul web. "Uno scempio della natura e del paesaggio - viene detto -. Chi ha concesso tutto ciò?" E ancora: "Speriamo venga spazzato via dalla prossima mareggiata".

"Le foto che girano sui social - interviene il coordinamento TuViVA, composto da 70 associazioni, comitati di imprese e cittadini - hanno scatenato un moto di indignazione con centinaia di commenti e condivisioni. Sono ben visibili gettate di cemento fin quasi sulla zona bagnata dal moto ondoso. C'è sconcerto per l'ennesima iniziativa di ciò che appare come  un'occupazione invasiva e legata ad un vetusto progetto di sfruttamento delle spiagge del Chietino". 

"Evidentemente, - prosegue - non sono bastati i disastri a cui assistiamo quotidianamente, a causa di un uso assolutamente insostenibile dell'ambiente, per indurre a realizzare un cambio di indirizzo nell'utilizzo dei beni pubblici. Senza considerare, poi, la spada di Damocle sospesa sopra ogni litorale a causa dell'innalzamento del livello medio marino per il riscaldamento globale. Poi tutti a lamentarsi dell'erosione, con i balneari a chiedere soldi pubblici per difendere, come in questo caso, l'indifendibile... Le amministrazioni che concedono le autorizzazioni a tali usi del demanio, sono doppiamente colpevoli".  08 feb 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 7915

Condividi l'Articolo