Il molo di San Vito devastato dall'erosione, ma la Regione Abruzzo non concede fondi
GUARDA LE FOTO

Versa in condizioni disastrose il freqentatissimo molo di San Vito (Ch).

L’auspicato finanziamento, richiesto dal Comune alla Regione Abruzzo per la messa in sicurezza dell'opera non è stato concesso. Ad annunciarlo è il vicesindaco, Roberto Nardone, che non nasconde il suo disappunto considerata l’importanza strategica della struttura marittima, sulla quale esistono due storici trabocchi, patrimonio da tutelare.

"Alla Regione – afferma Nardone – abbiamo inviato un’istanza chiedendo fondi per 150mila euro che purtroppo non ci sono stati accordati. Vista l’urgenza abbiamo provveduto immediatamente alla messa in sicurezza del molo, con fondi comunali. Contiamo ora di completare gli interventi, anche con una adeguata pavimentazione, tra un paio di mesi, così da rendere l’approdo nuovamente fruibile a residenti e turisti".

Nelle scorse settimane il Comune ha effettuato, sempre con denaro proprio, dei campionamenti finalizzati al controllo della staticità del molo, in quanto negli ultimi anni la superficie asfaltata si è deformata ed alzata, creando seri pericoli. Le analisi condotte hanno portato alla luce due cavità sulla fiancata sud, le quali, con le mareggiate, formano una sorta di sifone, situazione che avrebbe potuto compromettere la stabilità dell’intera struttura portuale.

Duro il comunicato di "San Vito bene comune". "Duole constatare - attacca - che, nonostante le richieste inoltrate dal Comune, dal Movimento 5 Stelle, in particolare da Francesco Taglieri, e dal Pd Abruzzo, la maggioranza di centro-destra in Regione ha di nuovo cassato la richiesta di finanziamento per lavori di somma urgenza sul porto di Gualdo, che a causa dell'erosione degli agenti atmosferici, negli ultimi anni, versa in condizioni di precaria stabilità".

La prima richiesta alla Regione risale al 3 settembre 2020. "Essa, riconoscendo l'aggravarsi della stabilità del molo, ha autorizzato i lavori di messa in sicurezza, ma ha comunicato al Comune di provvedere ad essi con proprie economie. Detto questo, come amministrazione siamo tornati a richiedere il contributo, perché il costo dei lavori,145.546,00 euro, sono un enorme esborso per il Comune". Ma "San Vito è stata colpevolmente ignorata, dalla Giunta Marsilio, per quanto concerne la tematica del ripascimento della costa, nonostante i lauti finanziamenti ai centri limitrofi e non solo. Come ciliegina sulla torta, per il 2021, il Comune di San Vito Chietino è stato escluso anche dai finanziamenti di ordinaria manutenzione, che prima vedeva l'assegnazione seppur minima di un piccolo contributo annuo (10-15.000 euro) per i piccoli interventi".
 
Solo nel dicembre dell'anno scorso, - si fa presente - "per il rafforzamento delle scogliere del tratto a nord, all'altezza del fiume Feltrino, per la spiaggia in sabbia del lungomare, la spiaggia Fornace (Rocco Mancini), l'area del trabocco Turchino fino al trabocco Valle Grotte, grazie all'interessamento del consigliere regionale Fabrizio Montepara, è stato concesso un contributo minimo di 100.000 euro.
A questo punto - è la conclusione - la misura è colma, visto che le giuste richieste di finanziamento a difesa di uno dei punti caratteristici della Costa dei trabocchi, sulla nascente Via Verde, vengono puntualmente ignorate". 04 mar. 2022

Vito Sbrocchi

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3778

Condividi l'Articolo