Maltempo. Il vento sferza l'Abruzzo: alberi caduti, tetti scoperchiati e strade chiuse

Il vento  di grecale, fortissimo, che sta sferzando sia l'entroterra che la costa, con raffiche vicino ai 50 chilometri orari, sta creando disagi in tutto l'Abruzzo. Temperature non superiori ai 5 gradi, scese anche di dieci gradi rispetto a ieri, come annunciato dal bollettino della Protezione civile.  Ad Avezzano (Aq) interrotte alcune strade per alberi caduti e guaine precipitate da tetti scoperchiati. A Magliano de' Marsi (Aq) un cavo dell'energia elettrica è caduto in strada. In entrambi i comuni sono stati aperti iono stati aperti i Centri operativi comunali  (Coc) con conseguente attivazione di squadre di volontari locali per supportare gli operatori negli interventi di ripristino della viabilità e dei servizi essenziali. Sull'autostrada A25 danni, nella Marsica, danni alla copertura di un autogrill.

Diversi gli alberi caduti a Lanciano e nei centri limitrofi con tanti interventi dei vigili del fuoco.  A Santa  Maria dei Mesi, a Lanciano, un pino si è abbattuto sulla strada, per fortuna senza conseguenze. A Fossacesia il sindaco Enrico Di Giuseppantonio ha dovuto chiudere il lungomare per gli alberi caduti: uno ha tranciato un palo Enel. "Da diceci anni - dice il primo cittadino - si chiede la rimozione dei tralicci Enel e Telecom. Pali pericolosi, antiestetici e che arrecano danno al paesaggio e all'ambiente". 

A Pescara il Comune ha disposto, tramite apposita ordinanza, la chiusura dei parchi cittadini e dei cimiteri per tutta la giornata a titolo precauzionale. La bufera di neve e le raffiche di vento hanno scoperchiato i tetti della locale scuola sci e del ristorante "Capannina" nella stazione sciistica di Campo Felice, a Rocca di Cambio (Aq). La stazione sciistica è chiusa, per le condizioni meteo. E nella mattinata, intorno alle 11, a Campo Felice si è verificato un incidente con ferito lieve causato dalla smantellamento del tetto di una baita. L'intervento è stato  seguito  dalla Prefettura dell'Aquila, dal Comune di Lucoli e dalla Sala operativa regionale.

"Diverse - fa sapere la Protezione civile regionale - sono state le criticità verificatesi a causa dei venti forti nei comuni dell'Aquila, Castel Di Sangro, Avezzano e Sulmona, dove notevoli sono stati gli interventi effettuati dai vigili del fuoco per la rimozione di alberi caduti al suolo e per la messa in sicurezza di tetti scoperchiati. La Sala operativa regionale in concerto con i referenti di Enel, ha coordinato gli interventi di ripristino delle line elettriche interrotte a causa del vento forte; gli interventi riguardano Fossacesia, Cagnano Amiterno, Avezzano e Civitella Roveto.

Nelle località di Poggio Filippo e Camerata, nel  comune di Tagliacozzo, a causa del forte vento si è innescato un vasto incendio; due squadre di volontari di Protezione civile sono prontamente intervenute per le operazioni di spegnimento e bonifica.

Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco in tutto il Molise per rami divelti dal vento forte, come pure tegole e cartelloni pubblicitari. Interrotti i collegamenti via mare tra il porto di Termoli e le Isole Tremiti (Foggia. La Capitaneria di Porto ha diramato un avviso di burrasca valido fino alla serata che prevede vento di nord-est forza 9, mare molto agitato con un'altezza d'onda di 4 metri. I pescherecci della marineria molisana hanno rinforzato gli ormeggi. 

Sono quasi 1.500 gli interventi dei vigili del fuoco per il maltempo in tutta Italia, specie per il forte vento: Lazio 400, Campania 380, Abruzzo 200, Umbria 180, Puglia 100, Molise 90, Sicilia 60, Calabria 30, Basilicata 25.

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2534

Condividi l'Articolo