Lanciano. Spillava soldi ad un amico, collaboratrice scolastica agli arresti

Spillava da lungo tempo denaro a un conoscente. Nei guai una collaboratrice scolastica, residente in un comune dell’hinterland frentano, arrestata dalla polizia e ora ai domiciliari. 

L’indagata, di 60 anni, è accusata di aver estorto soldi a un suo amico di Lanciano, di 50 anni. Dal 2016 si è fatta consegnare circa 10mila euro, ma l’attività criminale della donna, D.T.B., è cessata dopo aver strappato alla vittima un ennesimo appuntamento in cui doveva ricevere altri 500 euro.

Stanco, vessato e minacciato, l’uomo ha presentato denuncia in commissariato e la donna è stata colta in flagranza di reato. Lei, con estrema confidenza, aveva più volte millantato la necessità di avere aiuto per bisogni personali e famigliari. La vittima ha raccolto i suoi sfoghi e con molta disponibilità l’ha aiutata, anche accendendo mutui in banca, per soddisfare le sue sempre più esose richieste. Alla fine lui, stanco, non voleva più accontentarla, ma lei lo ha minacciato, paventando persino ritorsioni, come raccontare in giro confidenze raccolte e che avrebbero potuto nuocergli. Un raggiro subdolo a cui l’uomo non ha ceduto. Per garantire il silenzio dei supposti conoscenti la donna si è pure finta intermediaria per consegnare loro i soldi allo scopo di farli tacere ed evitare di divulgare fatti diffamatori. All’incontro per l’ultima richiesta di danaro si sono presentati anche gli agenti della sezione Investigativa del commissariato, coordinati dalla dirigente Lucia D’Agostino. E il giochino è finito. 07 ago. 2021

Walter Berghella 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2814

Condividi l'Articolo