Coronavirus. Continua a scendere la curva dei contagi in Abruzzo. Ancora vittime
GUARDA LE FOTO

In calo costante la curva dei contagi da coronavirus in Abruzzo. Attualmente i positivi sono 1.179, con una diminuzione di 93 unità rispetto a ieri. Complessivamente i casi finora registrati sono 3.220, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, dall'Istituto zooprofilattico di Teramo, dall'Università di Chieti e dal laboratorio dell'ospedale dell'Aquila.

Rispetto a ieri si registra un aumento di 8 nuovi infettati su un totale di 1.255 tamponi analizzati (0.6 per cento). Nella giornata di ieri, 21 maggio, i positivi erano stati 7 su 1.313 tamponi analizzati (0.5 per cento).

157 pazienti (-18 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva (12 in provincia dell'Aquila, 66 in provincia di Chieti, 68 in provincia di Pescara e 11 in provincia di Teramo), 4 (-1 rispetto a ieri) in terapia intensiva (0 in provincia dell'Aquila, 0 in provincia di Chieti, 2 in provincia di Pescara e 2 in provincia di Teramo), mentre gli altri 1.018 (-74 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl (19 in provincia dell'Aquila, 352 in provincia di Chieti, 560 in provincia di Pescara e 87 in provincia di Teramo).

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 394 pazienti morti, +3 rispetto a ieri. I nuovi decessi riguardano un 86enne di Pescara, un 90enne di Ortona e un 64enne di San Salvo. Sono 1.647 i dimessi/guariti (+98 rispetto a ieri).

Dall'inizio dell'emergenza, sono stati eseguiti complessivamente 63.956 test, di cui 56. 656 sono risultati negativi.

Del totale dei casi positivi, 246 si riferiscono alla Asl Avezzano-Sulmona-L'Aquila, 818 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, 1.509 alla Asl di Pescara e 647 alla Asl di Teramo.

Gli 8 casi di oggi si riferiscono 0 alla Asl Avezzano-Sulmona-L'Aquila, 2 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, 5 alla Asl di Pescara e 1 alla Asl di Teramo.

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 827

Condividi l'Articolo