Atessa. Sicurezza, controlli a tappeto nel week end. Il prefetto: 'Più pattuglie sul territorio'

Controlli a tappeto nel week end, in Val di Sangro, da parte delle forze dell'ordine. Misure maggiori di sicurezza sono state adottate anche in vista delle feste di Natale.

E a seguito delle sollecitazioni, delle lettere e degli incontri effettuati dal sindaco di Atessa (Ch), Giulio Borrelli, è arrivata una comunicazione del prefetto di Chieti, Giacomo Barbato, nella quale si parla di "quattro pattuglie in più a disposizione" dei carabinieri della compagnia di Atessa per il controllo del territorio e dell'ipotesi, al vaglio, "di istituzione di un commissariato o presidio di polizia".

Il primo cittadino ha inviato in Prefettura due missive, il 27 novembre e il 2 dicembre scorsi. Nella prima chiedeva la convocazione del Comitato provinciale per l'Ordine e la sicurezza.

"Il ripetersi di alcuni episodi di criminalità, accaduti di recente - sottolinea nella seconda -, come i bancomat fatti esplodere a Bomba e a Paglieta, realtà ricadenti nella giurisdizione dei carabinieri di Atessa, e alcuni furti in abitazione, del centro e delle contrade, stanno influendo negativamente sul senso di sicurezza percepito dalla popolazione". 

"Il comune di Atessa - prosegue - ha una superificie di circa 111 chilometri quadrati, la più estesa della provincia. Sul territorio - fa ancora presente - insistono infrastrutture complesse, che facilitano la penetrazione della criminalità pugliese e napoletana, permettendo facili e veloci vie di fuga. Esiste inoltre una realtà industriale molto attiva, con complessi tra i più rievanti e produttivi del Centro-Sud. Nella zona valliva si sono trasferite numerose realtà commerciali e bancarie e di servizi che fanno gola alla comune delinquanza predatoria. Sono ripetuti i tentativi di infiltrazione, della criminalità organizzata, nella zona meridionale dell'Abruzzo, comuni del Sangro compresi".

Il Comitato provinciale per l'Ordine e la sicurezza si è riunito l'altro ieri, proprio per affrontare i problemi sollecitati dal primo cittadino. E il prefetto ha risposto a Borrelli evidenziando l'"immediata adozione di misure operative da parte dei militari di Atessa, consistenti nell'incremento dei servizi esterni e nell'espletamento di controlli straordinari , nonché nell'aumento della frequenza dei passaggi delle autopattuglie". Per questo ci sono a disposizione "ulteriori quattro pattuglie autoradio per il rafforzamento dei dispositivi di controllo in taluni giorni della settimana". 

"I militari dell'Arma - prosegue il prefetto - sono inoltre a disposizione per appositi incontri con la popolazione, finalizzati anche ad illustrare i comportamenti più opportuni da adottare per ridurre il rischio di restare vittime di reati quali furti e truffe".

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1501

Condividi l'Articolo