Lanciano Calcio. Respinte le dimissioni di Alluni. Convocazione in Comune per il 13 gennaio
GUARDA LE FOTO

A che gioco giochiamo? Nella giornata di sabato, 9 gennaio, erano state annunciate le dimissioni del vicepresidente del Lanciano Calcio 1920, Claudio Alluni, adducendo “motivi personali” alla base dello stesso.

Ieri, una nota della società ha tenuto a precisare che che tali dimissioni sono state la conseguenza di una discussione avuta con l'assessore allo Sport del Comune di Lanciano, Davide Caporale, che interpellato da noi, ci ha detto che la società è stata convocata, ufficialmente, per mezzo di una pec, per chiarimenti di varia natura. Dovrà presentarsi in municipio il 13 gennaio alle 12. 

Seguirà una conferenza stampa. La discussione riguarda documenti che sono stati richiesti dalla pubblica amministrazione, e che la società ritiene che sia "documentazione sensibile amministrativa non dovuta". Documenti, che invece sono ritenuti necessari "affinché - viene ribattuto - si possa continuare a garantire il prosieguo della convenzione sull'uso dello stadio Guido Biondi".

Di fatto le dimissioni di Alluni sono state respinte, e la società ha comunicato che seguirà a breve una riunione, dove sarà chiesto all'ex vicepresidente di tornare sui suoi passi e continuare a ricoprire il proprio ruolo. Da parte dei tifosi, c'è chi si chiede se siamo in presenza delle comiche o se siamo su "Scherzi a parte", ma c'è anche chi si chiede se questo campionato sarà portato a termine o no. Da ultimo c'è chi, come il procuratore sportivo e avvocato Donato Di Campli, si dichiara apertamente dalla parte dell'assessore Caporale, e si chiede che fine abbia fatto l'Associazione Lanciano Rossonera, che aveva avuto un ruolo fondamentale nella ripartenza del calcio a Lanciano dopo la mancata iscrizione nei campionati della Virtus.   11 genn. 2021

Uranio Ucci

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nelle foto l'assessore Caporale e Alluni

totale visualizzazioni: 680

Condividi l'Articolo