Calcio. Eccellenza. Nuovo presidente per il Lanciano Calcio

L'aquila 5 Lanciano 0

L'aquila: Chiccarella, Cipriani, Venneri, Ricci, Krass (1st D'ecole), Fonti Catrali (17st Di Francesco), Rosano, Pellecchia (16st Irti), Maisto, Miccichè (1St Di Federico). A disposizione, Di Fabio, Moscianese, Collevecchio, Lenart, Testone. Allenatore Bolzan

Lanciano Calcio. La Barba, Surugiu, Cacciotti, Fuschi, Scutti, Lombardi, Marfisi ( 20st Rinaldi), Cavallo ( 6st Paravati), Barbarossa, Imperatrice, Di Benedetto (32st De Santiis). A Disposizione D'Orsogna, Longo, Marra. Allenatore: Giuseppe Di Pasquale.

Arbitro Cortale di Locri

Goal: 4pt Cortali (Aq), 41pt Miccichè (Aq), 46pt Pellecchia (Aq), 16st Venneri (Aq), 24st Irti (Aq).

Finalmente è finita: è calato il sipario su questo mini campionato di Eccellenza, che ha visto il Lanciano chiudere la classifica con due miseri punticini. Per carità, nulla da eccepire a questi ragazzi, e a tutti coloro che li hanno supportati, che sono stati buttati nella mischia senza nessuna ragione, senza avere un supporto societario e tranquillità economiche. Abbiamo sentito di tutto in queste settimane, da rimborsi spesa a dir poco ridicoli di pochi euro, nonostante le notevoli spese che alcuni ragazzi hanno dovuto affrontare per potersi allenare, a sfratti, e mancanza di soldi per poter acquistare il gesso con cui segnare il campo.

C'è un nuovo presidente, nel sodalizio rossonero, uscito fuori nel corso dell'ultima assembla dei soci svoltasi nel corso della scorsa settimana. E' Alessandro Pincione, fratello di Max ed attuale vice presidente del sodalizio rossonero. Staremo a vedere quello che accadrà nelle prossime settimane, e come i nuovi soci, di maggioranza, intendano portare avanti le ragioni della Lanciano sportiva. Sta di fatto che si resta alla finestra in attesa di segnali che possano segnare un'inversione di rotta da questo sciagurato anno calcistico.

Sono, definitivamente, tutte saltate le cordate per l'acquisizione della società, da parte di gruppi locali, ammesso che ci sia mai stata la volontà di cedere detta società.

Il bilancio del mini campionato di Eccellenza è catastrofico: appena 9 reti messe a segno, contro le 39 subite; due punti in classifica, frutto dei pareggi contro Delfino Flacco Porto e Capistrello. La manita, rossoblù, subita nell'ultima giornata non è altro che il frutto di quanto visto nei precedenti incontri. In porta mister Di Pasquale ha dovuto schierare un terzino, La Barba, causa la mancanza di titolare e secondo di ruolo. L'Aquila ha avuto il merito di chiudere l'incontro nel primo tempo, passando in vantaggio già al 4° minuto con Cortali, e raddoppiando sul finale della prima frazione con Miccichè, ex conoscenza rossonera. Nel corso della seconda frazione di gioco, nonostante i tre gol dell'Aquila, il Lanciano ha costruito maggiormente, con diverse azioni a suo favore.

La classifica finale del girone, parla di un Chieti vittorioso, costruito per vincere, e per ovviare a quegli errori che si erano visti nel primi mesi di questo campionato, prima che venisse sospeso. Un intervento oculato quello della dirigenza neroverde, che ha saputo superare il gap nei confronti dei cugini aqulilani. Tanti gli ex rossoneri presenti nelle file dei teatini, che la dice lunga circa le scelte fatte da altri sodalizi societari. Adesso tocca rimboccarsi le maniche per cercare di affrontare un nuovo campionato, ma soprattutto c'è da chiedersi se ci sia la volontà di andare avanti.

In attesa dell'incontro tra Chieti e Renato Curi Angolana, ininfluente ai fini della classifica finale, L'Avezzano ha superato per 4- 2 il Capistrello, confermandosi al terzo posto della classifica.

Un saluto a tutti quelli che ci hanno messo il sudore, (vedi foto), sapendo che hanno dato il massimo, oltre non era possibile andare. 20 giu. 2021

Uranio Ucci

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3990

Condividi l'Articolo