Fossacesia. Alex Tucci da... 'MareAmaro': dalla spiaggia ai monti e ritorno, di corsa, in 14 ore
GUARDA LE FOTO

Sfida, di muscoli, fiato e determinazione, che è stata vinta da Alex Tucci, 27 anni, ultratrainer di Atessa (Ch), che, con una buona andatura di marcia e addirittura in anticipo, è arrivato a Fossacesia Marina (Ch), al lido Pesce Palombo, da dove era iniziata la sua avventura. Partenza alle 5 di ieri mattina, di corsa, da Fossacesia,  con direzione monti. Sulla costa, di nuovo, nel pomeriggio, con quasi un’ora e mezza d’anticipo rispetto al previsto. In spiaggia sarebbe dovuto tornare alle 20.30; invece con forza e tutta la grinta della gioventù, sicuro della sua impresa, alle 19 era sul lungomare sud di Fossacesia, dove ha tagliato il traguardo.

Per l’intera giornata, Alex, è stato scortato da amici che, seguendolo in auto, in scooter, in bici e a piedi, hanno condiviso con lui l'avventuroso  progetto "MareAmaro", ossia dall'Adriatico al Monte Amaro, per poi riapprodare sul litorale. Il sogno, cullato da qualche mese, si è concretizzato: partito alle prime luci del giorno e giunto all'imbrunire nel punto in cui era partito, dopo aver attraversato colline e vallate. Questi i numeri affrontati sotto il sole cocente di una calda domenica d’agosto: 120 chilometri complessivamente percorsi, di essi 90 su strada e gli altri 30 di trail running. Il paesaggio suggestivo della Costa dei Trabocchi, poi montano, ripido e "amaro", come il tratto da Fara San Martino (Ch) fino alla punta del Monte Amaro, il più alto della Majella, con quota 2.793 metri e giù, di nuovo, a valle, a Fossacesia.

Alex Tucci, ha voluto spiegarci com’è nata l’idea di attraversare l’Abruzzo in un sol giorno, passando nei vari comuni del Sangro-Aventino: Fossacesia, Paglieta, Atessa, Perano, Archi, Altino e Casoli, con tappa a Fara San Martino, fino al Monte Amaro, e poi il mare. L’alba e il tramonto divisi da 3mila metri di dislivello. "Un'avventura che vuole promuovere, a livello turistico, il territorio - racconta il protagonista -.   L’Abruzzo è una regione incantevole, - prosegue -. Abbiamo la peculiarità della vicinanza tra montagna e mare: al mattino sulle alture e poi al mare, a farti accarezzare dalla brezza e dalle onde. Ho voluto riscoprire i luoghi del cuore: l'acqua cristallina della Costa dei trabocchi, con le sue macchine da pesca, e il massiccio del Gran Sasso e quello di madre Majella". 

Alex Tucci si è già cimentato in alcune tra le gare di ultratrail più appassionanti, dure e avvincenti d’Europa, fra le quali Orobie Ultra Trail e TotDred tra tutte. 

Linda Caravaggio

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 2900

Condividi l'Articolo