Coppa Italia. Il Lanciano batte il Casalbordino e va in finale
GUARDA LE FOTO

Lanciano 1 Casalbordino 0

Lanciano: Di Vincenzo, Boccanera, Quacquarelli (Trisi 1st), Avantaggiato, Scudieri, Natalini, De Santis (Malvone 45° st), Petrone (Giancristofaro 16°st), La Selva, Di Gennaro, Cianci (Sardella 16°st). A disposizione Sinopoli, Zela, Del Bello, Luciani, La Morgia. Allenatore Alessandro del Grosso

Casalbordino: Opara, Del Bonifro (Minichillo 42° st), Fusaro (Noyaye 44° st), Di Pasquale, Frangione, Benedetto, Palumbo, Piccolo, Sunday (Canosa 16° st), Bangue, Coffie. A disposizione, Celso, Di Donato, Tornosa, Di Domenico, Paoloemilio, Galante. Allenatore Vecchietti

Arbitro: Manuel Franche della sezione di Teramo

Gol: Boccanera al 40° st

Note. Prima dell’inizio della gara si è tenuto un minuto di raccoglimento, per la scomparsa di Giuliano Carollo (vedi foto), storico collaboratore dei colori frentani, sempre disponibile e gentilissimo con tutti.

Il Lanciano riesce a vincere e ad approdare alla finale di Coppa Italia, ma che fatica oggi al Guido Biondi. Il Casalbordino, ben messo in campo, non ha regalato nulla anzi, sul finale del primo tempo è riuscito a sbagliare per ben due volte davanti alla porta rossonera. Gara maschia, con qualche fallo di troppo, ma anche diversi errori arbitrali che hanno condizionato il match. Il Lanciano si è presentato con una formazione sperimentale, un centrocampo ridisegnato con Petrone, Avantaggiato e De Santis, quest’ultimo da mettere sicuramente tra gli allori. In porta torna Di Vincenzo, mentre in attacco il tecnico del Lanciano Del Grosso schiera Cianci, Di Gennaro e La Selva. In difesa troviamo Boccanera, Avantaggiato Quaqquarelli e Scudieri.

Prima dell’inizio della gara si è tenuto un minuto di raccoglimento, per la scomparsa di Giuliano Carollo, storico collaboratore dei colori frentani, sempre disponibile e gentilissimo con tutti.

Al Lanciano la prima occasione. Siamo all’ottavo minuto, con Cianci di testa, beccato da La Selva, ma Opala riesce a metterci una pezza. Al 24esimo sarà il turno di La Selva , ma anche in questo caso nulla di fatto. Qualche minuto dopo sempre La Selva si vedrà parare un bel tiro da fuori area.

Il Casalbordino nel giro di un paio di minuti colleziona un paio di occasioni, e proprio sullo scadere della prima frazione di gioco, l’avanti giallorosso centra un palo che fa tremare i tifosi rossoneri.

Nella ripresa il Casalbordino tenta di contenere maggiormente il Lanciano, affidandosi alle ripartenze, e i rossoneri faticano a trovare la porta avversaria, anche se di Gennaro, al 25esimo, riesce a trovare il gol, ma l’arbitro su segnalazione del guardalinee annulla per fuorigioco.

Negli ultimi minuti il Lanciano attacca, sa che se vuole passare il turno deve vincere, in quanto il Casalbordino ha una differenza reti migliore. Finalmente trova il gol liberatorio con Filippo Boccanera che rabbiosamente ribatte un suo precedente tiro finito sul palo. E' la rete che lo stadio aspettava: un urlo liberatorio attraversa il Guido Biondi e gli ultimi minuti sono solo di attesa per il triplice fischio.

Il mister del Lanciano, Alessandro Del Grosso, negli spogliatoi, elogia la propria squadra, brava sia nel coprire ma anche nel ripartire e costruire. Il presidente del Lanciano, De Vincentiis, fa da parte sua i complimenti a De Santis ma anche a tutta la squadra per come ha lottato fino all’ultimo minuto. Adesso si torna a pensare al campionato, appuntamento domenica contro il Piazzano. 

Articolo e foto a cura di Uranio Ucci

@RIPRODUZIONE VIETATA

 

totale visualizzazioni: 1581

Condividi l'Articolo