Calcio. Tonfo interno del Lanciano: l'Acqua & Sapone espugna il 'Biondi'
GUARDA LE FOTO

Lanciano 1920   0   -     Acqua & Sapone   2

Lanciano Calcio 1920: Forti, Minchillo (29st Del Bello), Shipple, Sassarini, Caniglia (1st De Santiis), Natalini, Miccichè, Marfisi (1st Lucarino), Rodia, Quintiliani, Di Rocco (1st Gragnoli). A disposizione: Di Vincenzo, Zela, Ciaccio, Lafsahi, Cicolini. Allenatore: Giuseppe Di Pasquale

Acqua & Sapone Montesilvano: Palena, Marcedula, Corvini, Tassone (47st Fidanza), Catenaro, Erasmi, Evangelista (15st d'Agostino), Maiorani ( 27st Trento), Petito, Marrone Vatavu (13st De  Fanis). A disposizione: Di Muzio, De Leonibus, Mazzocchetti, Rubini, Valerio. Allenatore: Damiano Cianfagna

Arbitro: Alessio Speziale di Pescara

Gol:  pt Petito (A), 13st Marrone su rigore (A)

Il Lanciano esce sconfitto per la seconda volta quest'anno dal “Guido Biondi”. L'Acqua & Sapone supera il Lanciano con un secco 2 – 0, rispettivamente con un gol per tempo. Il vantaggio del Montesilvano al 7’ del primo tempo con Potito che sfrutta una ottima ripartenza e supera Forti. Nel secondo tempo il raddoppio, con un calcio di rigore messo a segno da Marrone e decretato, per un fallo di mano, dall’arbitro Speziale.

Il Lanciano? Beh! Oggi, sbaglia l'approccio, con la gara, in tutto e per tutto. L'ultima sconfitta dei rossoneri risaliva a novembre, ma oggi per la prima volta dell'era De Vincentis, nel rientro negli spogliatoi a fine gara si sono cominciati a sentire alcuni fischi indirizzati ai giocatori. L'unico ad essere applaudito è stato Miccichè. Fischi sporadici e solo di una piccola parte della tifoseria, ma forse il primo sintomo di una certa delusione per quello che ci si aspettava. Fischi, forse, ingenerosi, verso chi si è calato, in primis, in un campionato di prima categoria, e poi in promozione, e si è impegnato per la rinascita di un calcio che a Lanciano era morto e sepolto, per le vicende che molti dei tifosi hanno ancora nella mente.

Come “predica” mister Di Pasquale ha dichiarato che “alla fine del campionato mancano ancora tante partite”, questo è indubbiamente vero.

Il primo posto in classifica sembra blindatissimo, gli 11 punti di vantaggio che ha il Castelnuovo sono tanti, ma è necessario vedere il bicchiere mezzo pieno: il Lanciano in classifica ha conservato il secondo posto e la volata verso i play off continua. Ad aprile si tireranno le somme; intanto ci sono ancora tante altre gare, a cominciare dall'infrasettimanale di mercoledì prossimo, che vedrà i rossoneri impegnati a Luco Dei Marsi, contro l'Angizia.

L'Acqua & Sapone saggia le doti di Forti, durante il primo minuto di gioco, l'estremo difensore rossonero para senza affanno. Minuto 7’, l'Acqua e Sapone innesca un contropiede, dopo che il Lanciano aveva battuto un calcio d'angolo, Tassone, molto velocemente penetra nella metà campo del Lanciano, appoggia per Petrito che a tu per tu con Forti, lo riesce a superare, segnando la prima rete di vantaggio per la sua compagine. Al quarto d'ora abbiamo la prima occasione per il Lanciano, con Caniglia che di testa cerca lo spunto vincente, ma la palla termina a lato. Alla mezzora, l'Acqua & Sapone avrebbe l'occasione per il raddoppio, con Marrone che sfodera un bel tiro, che però termina di poco alto sulla traversa. Il primo tempo si conclude qui, tanto gioco a centrocampo, e tanti capovolgimenti di fronte, ma occasioni degne di note ben poche.

Alla ripresa delle ostilità, mister Di Pasquale opera 3 cambi, escono Di Rocco, Caniglia e Marfisi mentre fanno il loro ingresso in campo Gragnoli, Lucarino e De Santiis; il gioco del Lanciano è più spumeggiante, si fa più pressing e si cerca la porta. Al 10’ bella occasione per il Lanciano, e Palena è costretto a rifugiarsi in calcio d'angolo. Quando tutto sembrava andar meglio, arriva la doccia fredda; l'Acqua e Sapone si divora letteralmente il gol del raddoppio, con i rossoneri che deviano la palla in calcio d'angolo, sui cui sviluppi, un rossonero “ci mette la mano” e l'arbitro decreta il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Marrone che spiazza Forti per il raddoppio dell'Acqua e Sapone, siamo al minuto 13.

La reazione dei rossoneri non si fa attendere, con Shipple il cui tiro fa la barba al palo. Al 17’ proteste rossonere per un presunto fallo di mano non ravvisato da Speziale. Al 21’ Gragnoli si vede negare la rete e sulla ribattuta Quintiliani viene anticipato di quel tanto che basta per impedire il tiro vincente. Alla mezz'ora ci prova Rodia, il tiro termina fuori. Prima dello scadere del tempo Del Bello in una incursione in area viene contrastato duramente, e finisce a terra, ma l'arbitro fa proseguire. A tempo abbondantemente scaduto, una punizione di Gragoli termina alta sulla traversa.

La gara termina qui, tra l'esultanza dei vincitori ed i visi molto scuri dei giocatori del Lanciano.

Questi i risultati delle altre gare del girone: Alba Adriatica – Pontevomano 1 – 4; Capistrello – Bacigalupo 2 – 1; Delfino Flacco – Nereto 1 – 1; Lanciano – Acqua e Sapone 0 – 2; Renato Curi – Angizia Luco 1 – 0; Sambuceto – Paterno 2 – 0; Spoltore – Castelnuovo 0 – 4; Torrese – Penne 3 – 0; Cupello – Nerostellati 3 – 2.

Classifica. Castelnuovo 51, Lanciano 40, Alba Adriatica 37, Spoltore 33, Torrese 33, Angizia 31, Capistrello 31, Acqua e Sapone 30, Penne 29, Bacigalupo 28, Sambuceto 27, Delfino Flacco 27, Virtus Cupello 25, Nerostellati 25, Pontevomano 20, Nereto, 19, Renato Curi 12, Paterno2

Uranio Ucci

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 825

Condividi l'Articolo