Calcio. Ennesima brutta sconfitta per il Pescara. Stavolta a Ferrara

SPAL 2 PESCARA 0

Reti: 28’ Salamon, 94’ Sebastiano Esposito

SPAL (3-4-2-1): Thiam, Okoli, Salamon, Tomovic, Dickmann, Missiroli (83’ Murgia), Salvatore Esposito, D'Alessandro (60’ Sala), Valoti, Di Francesco (83’ Strefezza), Paloschi (60’ Sebastiano Esposito). In panchina: Galeotti, Gomis, Spaltro, Brignola, Jankovic, Moro, Seck. All. Pasquale Marino

PESCARA (3-4-2-1): Fiorillo, Balzano, Scognamiglio, Nzita, Bellanova, Fernandes (80’ Valdifiori), Busellato (80’ Diambo), Vokic (62’ Galano), Maistro (80’ Capone), Asencio (67’ Di Grazia). In panchina: Alastra, Radaelli, Ventola, Antei, Bocchetti, Crecco, Bocic, Riccardi. All. Massimo Oddo

Ammoniti: Valoti, Balzano, Salvatore Esposito, Busellato, Okoli

Arbitro: Luca Massimi di Termoli. Assistenti: Marcello Rossi di Novara e Alessio Saccenti di Modena. IV Ufficiale: Simone Sozza di Seregno

Note: ammonito Massimo Oddo in panchina all’89’

Il Pescara torna sulla terra, anzi sotto terra, a causa della brutta sconfitta 2-0 a Ferrara. Mai in partita i biancazzurri di Massimo Oddo che non danno l'idea di poter essere pericolosi lì in avanti se non raramente e in occasioni casuali. La diversità di organico e di organizzazione tra le due squadre in campo è lampante sin dai primi minuti di gioco: i biancazzurri abruzzesi, oggi in verde, vengono spazzati via dai ferraresi con un gol per tempo e una presenza sul terreno di gioco da squadra di rango.

Gli adriatici, invece, confermano tutti i trend negativi della stagione: sesto gol subito su incornata da calcio d'angolo, gioco latitante e sfortuna per quanto concerne gli infortuni (oggi infortunio muscolare per Asencio), in pratica un disastro. Gol del vantaggio dei padroni di casa con colpo di testa di Salamon che sovrasta Scognamiglio che non prova neanche a contrastare in modo aereo il difensore avversario, se non cercando di tirare la maglietta: il centrale pescarese, infatti, sembra quasi chinarsi davanti al polacco in una mossa innaturale che non porta a nulla di buono. L'unica opportunità per i biancazzurri arriva allo scadere del primo tempo, quando Asencio trova solo la traversa da un metro e mezzo dalla linea di porta. Nella ripresa, con l'infortunio di Asencio (Ceter è out, quindi il Pescara non ha più punte) e mister Oddo non riesce a cambiare la partita, mantenendo il Pescara lento e prevedibile

"Primo tempo troppo bassi - dice il tecnico degli abruzzesi - poi nel secondo siamo stati in partita fino alla fine contro una squadra forte, del resto il secondo gol lo abbiamo subito in pieno recupero. Siamo stati anche danneggiati dall’arbitraggio che ci ha negato un rigore netto nel primo tempo su Vokic atterrato davanti alla linea di porta nell'occasione della traversa presa da Asencio. Abbiamo sofferto il possesso di palla della Spal, ma siamo mancati anche in fase offensiva". Peggiore difesa, 4 punti ottenuti su 24 disponibili: come se ne esce? "Con il lavoro".
Il presidente Sebastiani a caldo dopo il match: "Risultato non bugiardo, ma si poteva fare meglio perché il Pescara non ha rischiato molto. Abbiamo preso il solito gol su calcio da fermo, il solito gol da polli, e poi il gol nel recupero. C'era anche un rigore su di noi, ma ora recriminare non sarebbe giusto. Oggi abbiamo fatto la nostra partita che avremmo anche potuto pareggiare, ma non ci siamo riusciti". Novità sul passaggio di società a Pavanati? "Non me ne occupo prima del tempo". Attacco spuntato: il Pescara si muoverà a riguardo? "Aspettiamo una decina di giorni Ceter e vediamo l'entità dell'infortunio di Asencio".

6’ Incrocio dei pali colpito da Salvatore Esposito su calcio di punizione dal limite! Brivido per Fiorillo che non sarebbe potuto intervenire! Per fortuna del Pescara il pallone batte sul sette e esce sul fondo
24’ Asencio scatta sul filo del fuorigioco e viene atterrato da Salamon in area ferrarese, ma l'arbitro fischia un off side che alla luce dei replay non esiste. Sarebbe stato calcio di rigore per il Pescara
28’ Vantaggio della Spal con un colpo di testa dell'ex Salamon su cross da calcio d'angolo. Nell'occasione, Scognamiglio prova a trattenerlo per la maglia ma senza saltare e Salamon, saltando colpisce di testa in modo vincente
32’ Destro dal limite al volo di Busellato e palla deviata in corner
32’ Colpo di testa di Asencio che schiaccia su cross dalla bandierina, ma il pallone diventa “telefonato” per Thiam
36’ Girata di Dickmann in area pescarese e palla toccata da Masciangelo con un braccio correttamente tenuto sul corpo. L'arbitro fa correre regolarmente
45’ Traversa di Asencio su azione di calcio d'angolo battuto da Masciangelo, ma l'attaccante Adriatico trova solamente la trasversale! La palla, rimbalzata davanti alla porta di Thiam a circa un metro e mezzo dalla porta, non viene spedita nel sacco per una questione di centimetri. Sulla linea di porta Vokic viene anche trattenuto da Salamon che lo spedisce al tappeto, ma per Massimi di Termoli è tutto regolare
51’ Sinistro dai 25 metri di Di Francesco e pallone largo sul fondo
55’ Stoccata di Esposito da calcio di punizione dal limite e palla bloccata da Fiorillo che riesce nell'impresa nonostante la sfera avesse battuto per terra davanti alla porta
70’ Destro di Di Grazia in area di rigore avversaria, ma il suo diagonale non impensierisce troppo Thiam
86’ Botta di Valoti dalla distanza, Balzano devia col corpo e Fiorillo blocca il pallone che si era impennato
88’ Destro al volo di Scognamiglio su calcio d'angolo di Valdifiori e palla sul fondo
90’ Segnalati 7 minuti di recupero
94’ Raddoppio della Spal con Sebastiano Esposito che chiude in modo vincente un assist di Valoti che doveva essere solo appoggiato in rete. Pescara ko.   21 nov. 2020

Fernando Errichi

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 410

Condividi l'Articolo