Calcio. Le 'vespe' pungono il Pescara: 2-1 per la Juve Stabia nella battaglia del Menti

JUVE STABIA 2 PESCARA 1

Reti: 13’ Galano, 17’ Forte, 53’ Canotto

Juve Stabia (4-2-3-1): Russo, Fazio, Tonucci, Troest, Ricci, Calò, Calvano, Melara (55’ Elia), Carlini (85’ Mallamo), Canotto, Forte. In panchina: Branduani, Esposito, Todisco, Addae, Izco, Mezavilla, Vicente, (76’ Del Sole), Boateng, Cissè, Rossi. All. Caserta

Pescara (4-3-2-1): Kastrati, Ciofani, Bettella, Scognamiglio, Masciangelo, Busellato, Palmiero (75’ Pavone), Ingelsson (67’ Di Grazia), Machin, Galano, Borrelli (89’ Maniero). In panchina: Farelli, Sorrentino, Campagnaro, Del Grosso, Drudi, Vitturini, Zappa, Bruno, Brunori, Bocic, Palmucci. All. Zauri

Ammoniti: Tonucci, Palmiero, Machin, Calvano, Russo, Elia, Del Sole
Espulso: 80’ Ciofani (doppia ammonizione), 95’ Mallamo (doppia ammonizione)

Arbitro: Manuel Volpi di Arezzo. Assistenti: Schirru e Rossi. IV Ufficiale: Cosso
Note: al 9’ Kastrati para un rigore a Forte

Che sarebbe stata una battaglia lo si sapeva sin dall'inizio: il catino del Menti di Castellammare di Stabia, infatti, non è mai stato un campo facile, soprattutto per il Pescara. E infatti i biancazzurri, al termine di un autentico corpo a corpo senza esclusione di colpi, cedono le armi  con la Juve Stabia col punteggio di 2-1 dopo un’alternanza di emozioni davvero notevole.

Già prima della partita mister Zauri è costretto a considerare il forfait di capitan Memushaj, che si va ad aggiungere alla lista degli infortunati, ed è costretto a rivedere il centrocampo inserendo quello che sarà un impalpabile Ingelsson. Per il resto, confermata la squadra che pochi giorni fa aveva strapazzato il Benevento allo stadio Adriatico.

Si parte subito col botto: tocco di mano in area da parte di Scognamiglio e per l'arbitro Volpi è rigore, ma Kastrati si intromette tra Forte e la rete con un grandissimo intervento risolutore. Il Pescara c’è e si vede passando in vantaggio con Galano, al quinto sigillo stagionale. La squadra di mister Zauri mette in campo l'agonismo e un grande tasso tecnico, ma la Juve Stabia ribatte colpo su colpo e trova il pari poco dopo con lo stesso Forte. Si va all'intervallo in parità, ma i campani scendono meglio in campo nella ripresa, passando in vantaggio con Canotto. In questa occasione, però, grave gravissima mancata concessione di un calcio d'angolo in favore del Pescara da parte dell'arbitro Volpi che vede fischi per fiaschi e, suo malgrado, lancia il contropiede delle "vespe" che pungono la sventurata difesa adriatica.

Poi succede di tutto: sette ammoniti, due espulsi, col Pescara che si trova a giocare l'ultimo quarto d'ora in inferiorità numerica. Ma l'agonismo è valido anche per gli abruzzesi che ce la mettono davvero tutta nel tentativo di rimettere in equilibrio la partita che ormai aveva preso una brutta piega. Nonostante il forcing finale ei 6 minuti di recupero (giocati in parità numerica solo per un minuto e mezzo) il Pescara non riesce a dare continuità di risultati, uscendo sconfitto. La gara interna col Pisa di sabato allo stadio Adriatico sarà un nuovo banco di prova per gli abruzzesi, apparsi comunque tonici nonostante la sconfitta che potremmo definire immeritata.

4’ Galano prova a sorprendere Russo dalla distanza, ma il suo tiro dai 27 metri è fuori di poco
7’ Volpi giudica un tocco di mano di Scognamiglio in area biancazzurra come fallo da rigore: vibranti le proteste da parte degli abruzzesi che contestano decisione
9’ Kastrati blocca in due tempi il calcio di rigore tirato da Forte! Grande intervento del portiere albanese sostituto di Fiorillo (alle prese con una frattura alla mano) che si distende sulla sinistra e saluta la sua partita da titolare come meglio non poteva!
13’ Goooooooooooooooool del Pescara! Galano corregge a rete sotto porta un tocco di Busellato, portando in vantaggio i biancazzurri! Bella la sventagliata di Masciangelo che trova sul secondo palo Busellato il quale a sua volta ha un tocco preciso per Galano che non deve fare altro che appoggiare in rete il pallone!
17’ Gol incredibile di Forte che, in area pescarese, salta con un solo tocco di controllo tutta la difesa ospite, Kastrati compreso, prendendola in contropiede e appoggiando in rete a porta vuota, facendosi così perdonare il rigore sbagliato poco prima
20’ Gran respinta di Kastrati che compie un mezzo miracolo sulla conclusione di Canotto dal limite: il tiro, forte e angolato, è raggiunto con un balzo felino sulla destra dal portiere biancazzurro che sventa una pericolosissima occasione
27’ Ottima azione del Pescara sulla sinistra al termine della quale arriva al tiro Masciangelo col destro, ma Russo blocca a terra
32’ Botta di Galano dai 25 metri, ma Russo vola a deviare in corner! 
36’ Kastrati sugli scudi quando devia in angolo una punizione pericolosissima di Calò dal limite!
40’ Contatto sospetto in area campana tra Borrelli e Fazio che si strattonano cadendo a terra, ma per l'arbitro Volpi non ci sono gli estremi per fischiare un penalty in favore del Pescara
47’ Calò prova di controbalzo dal limite, ma il pallone è largo
53’ Vantaggio della Juve Stabia con Canotto che si invola in contropiede e infila Kastrati. Ma tutto nasce da una mancata segnalazione di calcio d'angolo da parte dell'arbitro Volpi che nega il corner al Pescara su un’incursione di Bettella e sull'azione successiva le ”vespe” colpiscono
57’ Rovesciata in bello stile di Ciofani che non fa male, ma apprezzabile il tentativo del difensore biancazzurro in area avversaria
71’ Borrelli colpisce di testa su cross di Ciofani, ma il pallone è lento e preda di Russo
86’ Mallamo sale per vie centrali, prova a scaricare verso la porta, ma il tiro è alto
91’ Gran giocata di Di Grazia che la scodella per Maniero che non riesce ad arrivare all'appuntamento con la palla sotto porta
96’ Bomba di Galano dai 30 metri e palla bloccata da Russo.

Fernando Errichi

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1048

Condividi l'Articolo