Calcio. Battuta d'arresto per il Lanciano contro la 'bestia nera' Torrese

Torrese 2  Lanciano  1

Torrese: Abate, D'Orazio (24st Martella), Maloku, Petronio, Ferri, Fuschi, Criscolo, Tini, Mosca, Di Benedetto (32st Esposito). A disposizione: Di Giuseppe, Di Sabatino, Di Francesco, Compagnoni, Puglia, Nepa. Allenatore: Remigio Cristofori

Lanciano Calcio: Forti, Minchillo, De Santis, Sassarini, Lucarino, Natalini, Shipple (10st Miccichè), Marfisi (8st Verna), Gragnoli, Quintiliani, Rodia (22st Di Rocco). A disposizione: Di Vincenzo, Caniglia, E. Zela, Ciaccio, D. Zela. Allenatore: Giuseppe Di Pasquale.

Arbitro: Giovanni Castellano di Nichelino (Torino)

Reti: 12°pt Fuschi (T), 8°stTini (T),  35°st Quintiliani (L)

Anticipo amaro per il Lanciano Calcio in quel di Castelnuovo, che rimedia una secca battuta d'arresto contro la Torrese. La compagine teramana si conferma “bestia nera” del Lanciano sconfiggendolo per la terza volta durante questa stagione agonistica tra incontri di coppa e di campionato. Prima dell'inizio della gara ha fatto bella mostra la recente coppa Italia conquistata dalla squadra di casa nella finale disputata contro il Castelnuovo Vomano, sistemata a centrocampo e pronta ad accogliere le due compagini al loro all'ingresso in campo.

Un match, quello disputato, che ha visto la Torrese intraprendente dal primo minuto, e un vantaggio messo a segno da Fuschi, che ha raccolto un pallone scaraventato in area da Di Benedetto e infilato l'estremo difensore frentano. La Torrese ha anche avuto l'occasione per incrementare il vantaggio al 24° quando Criscolo ha sfoderato un poderoso sinistro, ma questa volta Forti ha respinto il fendente a mani aperte. Il taccuino ha registrato la prima occasione per il Lanciano con Gagnoli che sul finire del primo tempo che ha saggiato le doti di Abate. Altra buona occasione per i frentani è arrivata da Mattia Rodia che al 45° si è presentato da solo difronte ad Abate ma ha sprecato malamente.

Alla ripresa di gioco Quintiliani ha sfiorato di pochissimo il pareggio, ma la Torrese non è stata a guardare, anzi, è arrivata la doccia fredda per il Lanciano, con Tini che ha siglato il raddoppio. Di Benedetto ha battuto un calcio d'angolo, e sugli sviluppi Tini ha calibrato un preciso tiro che prima d''infilarsi alle spalle di Forti, ha scheggiato il palo. Il Lanciano ha accusato il colpo e la Torrese né approfittato per cercare il terzo gol. Al 53° sempre Tini ha sfiorato la marcatura, poi è stata la volta di Criscolo, ben servito da Petronio. All'80° è arrivata la rete del Lanciano con Quitiliani su rigore, decretato per l'atterramento di Miccichè. I rossoneri sulla scia dell'entusiasmo per aver riaperto l'incontro hanno provato a pareggiare, scoprendosi e concedendo le ripartenze alla Torrese che prima del triplice fischio dell'arbitro ha avuto un paio di occasioni per incrementare il vantaggio, sventate da un super Matteo Forti.

Uranio Ucci

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 620

Condividi l'Articolo