Coronavirus. A Lanciano un altro morto. Tamponi per dipendenti e amministratori comunali

Tamponi antigenici rapidi per la ricerca del Covid-19, da oggi, per circa 200 tra dipendenti e amministratori del Comune di Lanciano che volontariamente hanno dato la propria disponibilità.

Lo screening viene effettuato dalla ditta MedicalSud nei locali del foyer del Teatro Fenaroli, già preventivamente sanificati e con successive ripetizioni di disinfezione prima e dopo i prelievi.  Il tampone nasale darà il proprio esito dopo pochi minuti. Gli utenti accederanno al test secondo un calendario predefinito, nel rispetto della normativa anticontagio, a cinque minuti di distanza l'uno dall'altro. In caso di positività, verrà attivato il relativo protocollo disposto dalla Regione Abruzzo.

"Crediamo che test e tracciamento siano due pilastri fondamentali della prevenzione per la convivenza con questo maledetto coronavirus - commenta in una nota il sindaco di Lanciano, Mario Pupillo, che è risultato negativo - soprattutto negli ambienti di lavoro dove si hanno contatti con il pubblico, seppur contingentati e controllati. Il Comune di Lanciano è tra i primi enti di grandi dimensioni a mettere a disposizione tamponi antigenici rapidi. E siamo soddisfatti della grande partecipazione". 

In città i contagiati sono attualmente 243; in quarantena sono in 110; i guariti sono 88. Undici i decessi della seconda ondata, di cui 10 al centro anziani "Antoniano", dove pare che la situazione si sia stabilizzata dopo momenti da incubo. L'ultima vittima, che nulla ha a che vedere con la casa di riposo, è di ieri sera ed è An. Pe., di 77 anni, deceduto all'ospedale di Pescara. I funerali si terranno il 30 novembre prossimo alle 10 nella cattedrale della Madonna del Ponte. Lascia la moglie e 4 figli. "Alla famiglia esprimo le mie più sentite condoglianze per questo perdita così dolorosa", dice Pupillo.   27 nov. 2020

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2571

Condividi l'Articolo