'Ci avete rotto il calcio....'. A Lanciano la protesta dei tifosi rossoneri in piazza
GUARDA LE FOTO

"Ci avete rotto il calcio", recita lo striscione appeso dal gruppo dell'Anxa Rebel, sotto il municipio del Comune di Lanciano (Ch). Ci sono i palloni sgonfi, ci sono i colori rossoneri, ma ci sono soprattutto loro.

Sono gli unici rimasti, gli irriducibili: Sono lo zoccolo duro; sono quelli che non si sono arresi alle avversità degli ultimi anni; sono quelli che hanno coniugato sport e solidarietà. Hanno organizzato raccolte fondi e sostenuto i ragazzi del Lanciano Special, lasciati all'abbandono, nelle loro gare. Ora sono scesi in piazza Plebiscito per protestare con un flash mob, ma sopratutto per chiedere:  "Chi comanda sul calcio a Lanciano?"

A raccontarci della vicenda è Marco Iasci, che avviciniamo al termine della manifestazione. Ci dice immediatamente che il guppo è soddisfatto della gente intervenuta e bisogna considerare anche i molti che si sono tenuti a margine, magari restando sul marciapiede, seduti sulle panchine oppure sotto i portici. Ci dice che fin dall'anno scorso, avevano incontrato vari imprenditori che potevano essere interessati a riportare in auge il calcio a Lanciano, individuando in Valeriano Palombaro, attuale presidente del Miglianico (Ch), che milita nel campionato di Promozione, un possibile papabile, in virtù anche del suo interessamento, ma anche e sopratutto perché si prevedeva la figura di un dirigente che avrebbe svolto compiti di controllo e di raccordo con tutta la tifoseria. Dopo aver presentato il progetto all'amministrazione comunale, che aveva richiesto del tempo per meglio analizzare la questione, era stato trovato anche il modo per ovviare alle regole federali circa il trasferimento del titolo sportivo in una città che dista più di 20 chilometri.

Inoltre, su suggerimento dell'assessore allo Sport, Danilo Ranieri, si sarebbe potuto allargare il progetto attraverso una fusione, con l'Athletic Lanciano e Virtus Anxanum. Insomma tutto sembrava andare per il meglio, addirittura, (e siamo sul finire di aprile), durante la presentazione del libro di Luciano Biondi su Guido Biondi, Palombaro veniva presentato, da parte di Ranieri a Luciano Biondi, come il futuro presidente del nuovo Lanciano calcio.  Episodio confermato dallo stesso Biondi, presente anche lui in piazza, che ci rivela anche di aver scritto per l'occasione una dedica particolare, sulla copia di Palombaro. "Sembrava fatta - continua  Iasci - ma di lì a poco sarebbe finito tutto".

Il consigliere di maggioranza Michele La Scala, salviniano, legato alla società dell'Athletic Lanciano, che in un primo momento aveva manifestato quasi a cuor leggero la volontà di rinunciare a cariche societarie, ha cambiato idea, lamentando la sua non presenza nel futuro organigramma societario e quando gli è stata offerta la possibilità della figura di vicepresidente, ha smesso di rispondere al telefono. "Il 29 maggio, la trattativa è naufragata".  Che ci sia stato un sabotaggio o meno, resta l'amarezza. E restano alcune  domande, che serpeggiano tra i supporter: "Ma un consigliere comunale può decidere le sorti calcistiche di un'intera città? Con quali poteri? E attibuitigli da chi? Si è candidato ed è andato in Consiglio per fare il bene e gli interessi della città? O no?"

Iasci conclude: "La palla passa all'assessore Ranieri, cui spetto il compito di trovare una soluzione che piaccia anche ai tifosi e non solo ad un consigliere comunale".

Come Abruzzolive.tv, abbiamo provato a raccogliere commenti dalla gente presente in piazza. Opinioni discordanti, c'è chi ritiene che manifestazioni di protesta come questa non facciano altro che allontanare eventuali imprenditori interessati e chi invece ritiene che sia giusto far sentire la propria voce. Un anziano tifoso rossonero: "Dal 2016 a Lanciano non si fa più calcio di livello. Un bambino che allora aveva 10 anni, oggi sulla soglia del compimento della maggiore età non ha mai visto una partita allo stadio "Guido Biondi". Come si può pretendere di avere tifosi ed entusiasmo, quando mancano le basi per crescere?"

La situazione appare di stallo, anche se Ranieri, che è dello stesso partito de La Scala, ha contattato alcuni imprenditori... 04 giu 2023

URANIO UCCI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 1980

Condividi l'Articolo