Calcio. Pareggio incolore fra Pescara ed Empoli

PESCARA 1 EMPOLI 1

Reti: 64’ Ciciretti, 76’ rig. Maniero

Pescara (4-4-1-1): Fiorillo, Zappa (72’ Pucciarelli), Scognamiglio, Drudi, Balzano, Crecco, Busellato (92’ Melegoni), Kastanos (71’ Clemenza), Memushaj, Galano, Maniero (85’ Bojinov). In panchina: Alastra, Del Grosso, Mane, Bruno, Palmiero, Pavone, Borrelli. All. Legrottaglie

Empoli (4-3-3): Brignoli, Pinna (85’ Gazzola), Romagnoli, Sierralta, Balkovec, Baldinelli (71’ Henderson), Stulac (85’ Frattesi), Zurkowski, Bajrami, Moreo (61’ Mancuso), Tutino (61’ Ciciretti). In panchina: Branduani, Perucchini, Antonelli, Maietta, Nikolaou, Fiamozzi, Viti, Fantacci. All. Marino

Ammoniti: Zurkowski, Drudi, Pinna, Balzano

Espulso: 93’ Branduani (in panchina)

Arbitro: Ayroldi di Molfetta. Assistenti: Pagnotta e Marchi. IV Ufficiale: Dionisi

Un punto che non accontenta né il Pescara né l'Empoli. L’1-1 dello stadio Adriatico, tutto maturato nella seconda frazione di gioco grazie all'eurogol di Ciciretti e al rigore conquistato e battuto da Maniero, non consente altro che muovere la classifica: restano 5 i punti di distanza sia dalla zona play out che dalla zona play off per il Pescara giunto a quota 39 punti; poco meglio per i toscani che viaggiano a tre lunghezze di distanza dagli abruzzesi a caccia di una posizione utile per conquistare gli spareggi promozione. Mister Legrottaglie sceglie l'esperienza rappresentata da Balzano in difesa e Maniero in attacco: mentre il terzino non incide più di tanto nel corso della competizione, l'attaccante invece “sposta” la gara giocando bene di sponda sin dall'inizio del match. Certo, attualmente la velocità non è propria di casa Maniero, ma la tecnica della punta biancazzurra non è in discussione. L'Empoli è più incisivo nella prima frazione di gioco e va a segno con Balkovec con un gran rasoterra, ma Baldinelli ha deciso di passeggiare dalle parti di Fiorillo costringendo Ayroldi ad annullare la marcatura. Poi ci provano Galano, Zappa, Maniero e Drudi ad entusiasmare i seggiolini dello stadio Adriatico, ma nessuna delle iniziative degli abruzzesi porta a qualcosa di buono. Piuttosto, una volta nominati i seggiolini, sarebbe necessario rivedere il loro colore almeno dalle parti della tribuna Adriatica in quanto il colpo d'occhio sulla scritta Città di Pescara è davvero da visita oculistica.

Nel secondo tempo via al festival delle sostituzioni: mister Marino sembra più pronto nei cambi rispetto al tecnico Legrottaglie e indovina la mossa vincente facendo entrare, tra gli altri, Ciciretti che meriterebbe per tecnica una platea di serie A. Giusto il tempo di ambientarsi sul prato dell'Adriatico e l'attaccante, infatti, inventa un gol davvero bello che porta in vantaggio gli ospiti. Ma il Pescara non vuole passare la serata allo stadio senza dire la propria, accettando passivamente la possibile seconda sconfitta consecutiva e si affida alle doti in area di Maniero che conquista un rigore per trattenuta e poi si prende la responsabilità di tirarlo in modi vincente. I minuti finali sono scoppiettanti e soprattutto di marca abruzzese: Clemenza ci prova, dopo una bella corsa, ad indovinare la rete della vittoria, ma Brignoli, non invitato alla festa, fa di tutto per mandare a monte le velleità del biondo attaccante del Pescara. Risultato party rinviato e tutti scontenti. Ora i biancazzurri sono attesi da tre scontri decisivi per la lotta salvezza: Cremonese, Perugia e Venezia ci sapranno dire di che pasta è fatta la squadra di Legrottaglie.

14’ Insidioso traversone di Balkovec che impegna Fiorillo in calcio d'angolo: il pallone stava per superare il portiere degli abruzzesi, ma un colpo di reni consente la deviazione in corner
19’ Botta di Balkovec che fredda Fiorillo con un rasoterra che si insacca in rete, ma davanti al portiere biancazzurro sta transitando Baldinelli e l'arbitro Ayroldi di Molfetta annulla giustamente per fuorigioco
21’ Destro di Galano che da posizione ottimale non trova la porta
27’ Traversone di Zappa per Maniero che dal centro dell'area cicca il pallone clamorosamente
35’ Botta di Drudi dalla distanza e palla alta
42’ Contropiede mal gestito dal Pescara: orchestra Zappa, che ruba il pallone con un break a centrocampo, poi serve Maniero che sbaglia l'assist fondamentale. Il Pescara era in vantaggio numerico 3 contro 2 in questa occasione
43’ Destro in corsa di Zappa che non trova la porta di Brignoli
48’ Contropiede del Pescara con Maniero che si gira splendidamente a centrocampo e con una magia manda dalla parte opposta un avversario, palla lunga per la corsa di Galano che entra in area, va sul fondo, la mette in mezzo, ma Romagnoli interviene in scivolata liberando l'area toscana
57’ Sinistro pericolosissimo di Zurkowski che dal limite non trova la porta di Fiorillo per un soffio
58’ Traversone di Balzano per Maniero che prova ad avvitarsi, ma il suo tocco sotto porta non è vincente e la palla esce dallo specchio della porta anche a causa del pressing effettuato da Romagnoli
63’ Baldinelli di testa su cross di Pinna non trova la porta
64’ Magia di Ciciretti che indovina un gol pazzesco da fuori area con il mancino: Fiorillo non può fare altro che guardare il pallone entrare in rete all'incrocio dei pali. Gol di pregevolissima fattura da parte di Ciciretti
76’ Rigore per il Pescara per trattenuta di Maniero in piena area di rigore Toscana da parte di Romagnoli. Rigore netto fischiato dall'arbitro Ayroldi
76’ Gooooooooooooooool del Pescara! Maniero spiazza Brignoli imparabilmente con un destro che non dà scampo! Pareggio del Pescara!
84’ Sinistro in corsa di Clemenza che impegna severamente Brignoli nella deviazione
88’ Sinistro a Giro di Galano dal limite, ma il pallone è fiacco e non fa paura a Brignoli che blocca facilmente. 

Fernando Errichi

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 553

Condividi l'Articolo