Santa Maria Imbaro. C'è un'offerta d'acquisto per il complesso che ospitava il Negri Sud

C'è un'offerta d'acquisto per il complesso che ospitava il centro di ricerche Negri Sud, a Santa Maria Imbaro (Ch). La struttura, della Provincia di Chieti, è finita all'asta per 10.729.260 euro. Da indiscrezioni, l'offerta arriverebbe da una fondazione anglo-americana con sede in Svizzera. 

L’ex centro di ricerche biomediche, fiore all'occhiello dell'Abruzzo e del centro sud Italia, era fallito sotto il peso di quasi 10 milioni di debiti, tra l'indifferenza della politica regionale, che non ha tentato in alcun modo di salvarlo. All'epoca furono mandati a casa, a più riprese, 200 ricercatori, con gli ultimi licenziamenti avvenuti il 12 maggio 2015 da parte dei commissari liquidatori del tribunale di Chieti.

Gli edifici, per compessivi 55 mila metri quadrati, comprendono centrali termiche e tecnologiche, laboratori, mensa, cucine, depositi, alloggi direzione e custode, auditorium, biblioteca, magazzino, officine e la foresteria con villette a schiera per gli alloggi dei ricercatori. Gli stabili , anche in futuro, dovranno essere comunque, almeno in parte, utilizzati per la ricerca. 

Grande interesse era stato manifestato, nei mesi scorsi, per l’acquisto della ciclopica sede, da importanti colossi di ricerca nazionali, come la molisana Neuromed di Pozzilli, tuttora disposta a prenderla in affitto. Il quattro giugno, in Provincia, sarà aperta la busta per valutare la cifra, l'affidabilità e la fattibilità dell'offerta.

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 5820

Condividi l'Articolo