Covid. Abruzzo verso la 'zona gialla'. Riunita Unità di crisi. 'Le Intensive riempite al 78 per cento da non vaccinati'

"Le terapie intensive in Abruzzo sono riempite al 78 per cento da non vaccinati".

Così il presidente della Regione, Marco Marsilio, al termine della riunione, a Pescara, dell'Unità di crisi, convocata dopo l'altissimo numero di contagi da covid-19 registrati in questi giorni - oltre 10mila tra ieri e oggi - e con i ricoveri in crescita negli ospedali. "Nella nostra regione - sottolinea il governatore - il 90 per cento della popolazione è vaccinata e ad un terzo abbondante di essa è stata già somministrata la terza dose. Resta un 10 per cento di non vaccinati che all'80 per cento occupano le Intensive e al 50 per cento i posti letto in area medica: l'invito quindi è a vaccinarsi". 

"Abbiamo fatto - rimarca - il punto della situazione per rafforzare il lavoro sulle terapie precoci, l'assistenza a domicilio, l'individuazione dei sintomatici. Ho chiesto - rimarca - ai ministri  Gelmini e Speranza di smettere fare tamponi a raffica sugli asintomatici. È impossibile fare tracciamenti quando i contagi sono migliaia. E' un sistema che non regge più in Italia. Le Regioni sono disperate: non si è in grado, con il personale e le risorse a disposizione, di sostenere questa mole di tracciamenti e mantenere tutta la normale attività ospedaliera e far andare avanti al contempo le vaccinazioni". 

"Omicron galoppa...  - aggiunge -. Siamo passati, in regione, dai 500-600 casi al giorno registrati alla fine del 2021, ai 3mila dei primi giorni del nuovo anno, ai 5mila positivi di ieri e 5.300 di oggi. Sono grandi numeri, ai quali stiamo cercando in ogni modo di far fronte. Adesso, per le cure, ci stiamo servendo delle monoclonali e del nuovo farmaco Pfizer che ci è stato appena consegnato".

L'Abruzzo in zona gialla? "Non cambia molto rispetto alla situazione e alle norme già in vigore, come indossare la mascherina all'aperto. Dal 7 al 9 ci sarà lo screening in tutte le scuole di ordine e grado per far ripartire in sicurezza le lezioni il 10 gennaio". 05 gen. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

 

totale visualizzazioni: 2613

Condividi l'Articolo