Fossacesia. Quel mostruoso montascale dell'abbazia, inutilizzabile per i disabili

La solita storia all’italiana: si fanno lavori, si spendono soldi, e le opere realizzate risultano inutili. E, in questo caso, anche inutizzabili.   

E' la vicenda del montascale elettrico posizionato all’ingresso della  scalinata principale che conduce al  Portale della Luna dell’abbazia di San Giovanni in Venere a Fossacesia (Ch). L’opera, che è costata  50 mila euro e porta la firma della Provincia di Chieti, giace lì, davanti al monastero, in tutta la sua bruttezza. E' sorta in vista dell'abbattimento delle barriere architettoniche,  ma ad oggi non è stata ancora collaudata ed è delle scorse ore la protesta inscenata proprio davanti alla scalinata, da parte di disabili del luogo, con deficit agli arti, e quindi costretti a muoversi con l’ausilio della carrozzella.

Loro rivendicano  il diritto di accedere all’interno del gioiello architettonico di San Giovanni in Venere, che ogni giorno, registra l’arrivo di visitatori provenienti da molte parti d’Italia. Il montascale, provvisorio, in attesa di interventi definitivi per l’installazione di uno permanente, viene contestato dagli stessi disabili che vogliono far sentire la propria voce. Un impianto non funzionale, che impatta fortemente con l’antico splendore dell’abbazia. "Inoltre - dicono quelli che dovrebbero essere i fruitori del servizio -  è inadoperabile. E' abbandonato. E' poco pratico". Chi, inoltre, dovrebbe essere addetto al suo funzionamento? Chi, una volta  azionato, dovrebbe provvedere ad aprire la porta del monumento, per permettere l'ingresso dei disabili nell'abbazia? Come è possibile che la Soprintendenza abbia approvato un tale obbrobrio, che cozza con l'arte e l'architettura circostanti?

"Siamo certi - affermano alcuni disabili - che prima o poi questo montascale verrà rimosso. Sotto l’aspetto tecnico - aggiungono - nel caso venisse fatto funzionare, potrebbero verificarsi disservizi: dei guasti al sistema meccanico, ad esempio, perché essendo situato all’aperto, è in balìa di agenti atmosferici, che potrebbero creare problemi all’apparato eletronico. Chiediamo risposte immediate e certe a chi ha fatto eseguire i lavori. E’ nostro diritto entrare nel luogo sacro, recitare  una preghiera ed ammirarne le  bellezze".

Linda Caravaggio

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 793

Condividi l'Articolo