Atessa (Ch) - Radio Ciao leader degli ascolti in Abruzzo. Lo dice l’istituto Eurisko che ha diffuso i nuovi dati dell’indagine RadioMonitor sull’ascolto delle radio italiane, relativi al primo semestre 2016. Radio Ciao ha raggiunto quota 116mila ascoltatori nel giorno medio, distanziando di ben 44mila ascoltatori la seconda in graduatoria. L’emittente del PasquiniGroup incrementa il numero dei propri ascoltatori giornalieri di 23mila rispetto al primo semestre dello scorso anno e di 19mila rispetto al dato annuale 2015. Radio Ciao, tra le emittenti locali, si conferma prima in Abruzzo (con 95mila ascoltatori al giorno) e torna ad essere prima anche in Molise (con 13mila). Sfiora, inoltre, quota 300mila ascoltatori nei 7 giorni (per l’esattezza 294mila) e mette insieme ben 8mila ascoltatori (erano 6mila un anno fa) nel quarto d’ora medio. “Ovviamente siamo molto soddisfatti – commenta l’editore Antonio Pasquini – Soddisfatti, ma non appagati; sappiamo di poter fare ancora meglio e questi risultati ci incoraggiano a mettercela tutta. Peraltro – aggiunge – il successo di Radio Ciao è completato dal buon risultato di Radio Studio 5, l’altra emittente del nostro gruppo editoriale: i 116mila ascoltatori di Radio Ciao, aggiunti ai 27mila di Studio 5, fanno del PasquiniGroup il primo gruppo radiofonico abruzzese”. 


“Quello di Radio Ciao – aggiunge dal canto suo il direttore artistico Enrico De Pietra - è il successo di una radio fatta con passione, ma anche con semplicità e immediatezza, ed è il frutto anche di un rapporto costante, diretto e immediato con gli ascoltatori. Squadra che vince non si cambia – prosegue De Pietra – per cui la formula ‘Una canzone e un sorriso’ resterà la stessa, così come la linea musicale (caratterizzata dai grandi successi italiani e stranieri del passato) e i numerosi rapidi appuntamenti giornalieri con l’informazione locale e nazionale. Stiamo comunque lavorando ad alcuni nuovi appuntamenti, piccoli nelle dimensioni ma importanti nel contenuto, che prenderanno corpo dalla prossima stagione”. 08 luglio 2016 


 @RIPRODUZIONE VIETATA

Condividi l'Articolo

Articoli correlati