Il segretario del Pd Abruzzo, Marco Rapino, all'indomani dell'istituzione del Coordinamento regionale finalizzato ad accompagnare il partito alle elezioni e al congresso,  si dimette, sottolineando che "dal 4 marzo in ballo non ci sono i destini personali, ma un destino collettivo" e parlando di "un percorso di riflessione che mi ha portato a comprendere la misura dei miei errori e ritenere che per sanare le ferite la rinuncia a concludere il mio mandato fosse la scelta più giusta". "Oggi - scrive Rapino - il Pd abruzzese deve fare un passo avanti, uno sforzo congiunto, unitario, per affrontare in piena forza le tornate elettorali che ci attendono. Saremo in grado di essere una comunità politica all'altezza di questa sfida? In questo momento storico deve prevalere più di sempre l'interesse della comunità rispetto all'ambizione individuale. Per questo ho deciso di rassegnare le mie dimissioni e ieri le ho formalizzate al presidente dell'assemblea regionale, Camillo D'Alessandro. Spero che attraverso il mio gesto il Pd possa ritrovare spirito di coesione e proposte per affrontare il cammino nuovo che lo aspetta".
12 settembre 2018

@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 401

Condividi l'Articolo

Articoli correlati