Lanciano. Pasticcio Negri Sud... Attacco a Pupillo: 'Si dimetta da presidente della Provincia'
GUARDA LE FOTO

"Un’altra pagina da dimenticare quella scritta in questi giorni per il complesso immobiliare Mario Negri Sud di Santa Maria Imbaro, chiuso e fermo da anni. Quando la soluzione sembrava ad un passo, tutto si rimette in discussione".

Così il consigliere provinciale di Chieti e comunale di Lanciano, Gabriele Di Bucchianico, di Fratelli d'Italia. Le palazzine vuote dell'ex centro di ricerche, a seguito di asta, sono state aggiudicate, a fine giugno, all'Amil Lazio, associazione - unica a rispondere - che ha offerto poco più di 10 milioni. Ma l'assegno, di 100mila euro, che ha accompagnato l'acquisto degli immobili è risultato scoperto, non esigibile. E la Provincia, dopo aver annunciato la vendita delle strutture, non potendo riscuotere, ha dovuto fare dietrofront. Aggiudicazione annullata, si rifà la gara e, intanto, si chiedono i danni all'Amil.

"Gli avvenimenti non possono stupirmi più di tanto - dice in una nota Di Bucchianico - . Il 20 giugno scorso - racconta - inviai una Pec alla Provincia e al presidente della Provincia, Mario Pupillo, nella quale chiedevo l'accesso agli atti;  di poter visionare tutti i documenti riguardanti la vicenda del Mario Negri Sud, perché ritenevo ci fosse qualcosa di poco chiaro. I miei dubbi, più che fondati alla luce di ciò che è accaduto, erano in merito all’aggiudicazione dell’appalto ad una onlus che vive di offerte e si occupa di invalidi e mutilati del lavoro. Mi sono subito chiesto come una associazione avesse potuto avere una capacità finanziaria così importante, pari ad oltre 10 milioni, e come avesse potuto poi garantire una attività di ricerca nel campo biomedico e farmacologico come richiesto dal bando stesso. Ma, al di là di queste mie considerazioni - prosegue - quel che mi domando è come sia stato possibile accettare un assegno bancario e non circolare in una cosi delicata ed importante trattativa. Oggi più che mai siamo consapevoli dell’importanza della ricerca in campo biomedico e dell’importanza di avere nel nostro territorio un'attività del genere e non possiamo permetterci ritardi e leggerezze".

"Il presidente Pupillo, che oggi si dichiara amareggiato, - evidenzia ancora - avrebbe fatto bene a non essere cosi superficiale e a manifestare la sua soddisfazione parlando "di boccata di ossigeno per la Provincia di Chieti". Nessuna boccata di ossigeno, anzi, si rischia di svendere un rilevante patrimonio pubblico. Ora si ricomincia, ed il tempo passa, e la struttura continua a degradarsi. Il presidente farebbe bene a far gestire la questione ad un commissario straordinario e a rassegnare le dimissioni".

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nelle foto il Negri Sud e Di Bucchianico

 

totale visualizzazioni: 1201

Condividi l'Articolo