Elezioni comunali 2019. A Pescara il centrodestra sbaraglia e trionfa Carlo Masci. Lega primo partito
GUARDA LE FOTO

Il centrodestra a Pescara sbaraglia e Carlo Masci è il nuovo sindaco. Eletto al primo turno, non ce n'è per nessun altro. Non ci sarà ballottaggio. E' un trionfo. "Spero di poter essere il sindaco di tutti. Voglio lavorare bene anche con gli altri candidati perché Pescara merita un Consiglio comunale che faccia bene per la città a prescindere dai colori politici": queste le prime parole del neo sindaco, che riesce ad agguantare il tricolore al secondo tentativo. Nel 2003, sfidando Luciano D'Alfonso, fu infatti sconfitto al ballottaggio. Ora invece la vittoria è sempre stata in suo pugno, e sin dalla campagna elettorale Masci è stato dato per favorito. Non a caso oggi dice: "Per me è stata una rivincita il fatto di poter tornare dopo 16 anni a fare il candidato sindaco, e vincere".

Qual è la prima cosa che farà? "La pulizia della città, perché i cittadini si lamentano di questo: Pescara è sporca". E dedicando la vittoria all'ex sindaco Carlo Pace, che oggi non c'è più e ai tempi lo volle assessore, proclama: "Voglio essere il sindaco della conciliazione". A un certo punto sembrava che Masci dovesse giocarsela al ballottaggio con la candidata del centrosinistra, Marinella Sclocco, ma in serata le sue quotazioni sono nettamente decollate, raggiungendo il 51% . Masci vuole ripartire dalle periferie e, più in generale, rilanciare Pescara. 

I risultati definitivi danno:

Carlo Masci: 32.766 voti pari al 51,33%. La sua coalizione:  Lega Salvini; Forza Italia, Fratelli d'Italia, Pescara Futura, Unione di Centro, "Amare Pescara";

Marinella Sclocco: 14.600 voti pari al 22,87%. Le liste che l'appoggiavano Pd, "Per Sclocco sindaco", "Pescara città Aperta";

Erika Alessandrini, dei 5Stelle: 8.262 preferenze, ossia 12,94 %.

Carlo Costantini: 4.052 voti pari al 6,35%. Con lui le liste "Faremo grande Pescara", "Lista Nuova Pescara", "Lista Città del futuro";

Gianni Teodoro: 1.673 voti pari al 2,62%. Lista "Scegli Pescara";

Stefano Matteucci Civiaterese: 1.623 (2,54%): Candidato per "Coalizione Civica Pescara";

Gianluca Baldini:  492 voti pari allo 0,77%. Candidato per "Riconquistare l'Italia";

Mirko Iacomelli  362 voti pari allo 0,57%. Candidato di CasaPound Italia.

A Pescara la Lega è il primo partito con 13.199 preferenze (21,33) e 8 seggi; a seguire Forza Italia con  7.641 voti (12,35%) e 5 seggi; Fratelli d'Italia prende 4.493 voti (7,26%) e 3 seggi; Pescara Futura 3.759 (6,07%) e 2 seggi; Udc 2.083 voti (3,37%) e un consigliere; "Amare Pescara"  1.784 voti (2,88%) e 1 seggio. Nel centrosinistra il Pd, che è il secondo partito, ottiene 9.378 voti (15,15%) e 4 seggi; la lista "Per Sclocco sindaco" 2.834 voti (4,58%) e un seggio e "Pescara città aperta" 2.022 voti (3,27%) e un seggio. Per i 5Stelle 7.591 preferenze (12,26%) e 3 rappresentanti in Consiglio.

@RIPRODUZIONE VIETATA

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1118

Condividi l'Articolo