Elezioni comunali Lanciano. E Marongiu inciampa nella mucca... di Bersani

"Una caduta di stile senza precedenti, che la dice lunga sulla coerenza di un personaggio (e della sua coalizione) che a parole si riempie la bocca di accoglienza e rispetto, ma poi apostrofa una donna definendola 'mucca da corridoio' ".

Così Tonia Paolucci, candidato consigliere nello schieramento di centrodestra al Comune di Lanciano e, in questa tornata elettorale, più votata in assoluto con 801 preferenze, "stigmatizza la frase pronunciata dal candidato a sindaco di centrosinistra Leo Marongiu, nel corso di una trasmissione televisiva" andata in onda ieri sera sull'emittente Telemax.

“Si dovrebbe vergognare – sottolinea Paolucci – e mi aspetto che mi chieda scusa per quello che ha detto. Non ha offeso solo me, ma tutte le donne, non solo quelle impegnate in politica, e soprattutto gli elettori che mi hanno dato fiducia. Sono basita anche dal silenzio delle donne candidate con Marongiu, che non hanno preso le distanze da parole, sgradevoli e ignobili". Sulla questione è intervenuta, con un tweet, anche la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, portando "solidarietà" alla Paolucci. E sottolineando: "Ecco la vera natura di chi si finge progressista solo per raccattare qualche voto in più. Vergogna".

Marongiu dal canto proprio, anche in un video, spiega che l'espressione - di bersaniana memoria, è infatti metafora coniata dall'ex segretario del Pd -, si riferisce alla situazione politica che vede protagonista la destra frentana, appunto "la mucca". Secondo Marongiu, Fratelli d'Italia e Lega sarebbero intenzionati a defenestrare Paolucci, in caso di vittoria al ballottaggio. Insomma "nessuna intenzione di offendere le donne, - si puntualizza in una nota - tantomeno Tonia Paolucci. La  frase "incriminata" e su cui si sta consumando una polemica accesa, non è altro che un'affermazione che disegna una situazione, un clima particolare. A un primo ascolto può risultare indelicata e Marongiu chiede scusa se le sue parole sono risultate offensive". "Il rispetto e la considerazione con i quali ha sempre trattato le donne, - si spiega ancora - é risaputo. E chi lo conosce sa bene quanta stima riservi all'universo femminile". "Mi dispiace - puntualizza Marongiu - se qualcuna ha potuto pensare a un mio voler denigrare e mortificare le donne e Tonia Paolucci. Niente di più lontano da me e dal mio modo di essere".

Ma Paolucci rimarca: “Mi meraviglia che a pronunciare 'mucca da corridoio' sia stato un uomo di 40 anni, che si definisce l’incarnazione del rinnovamento. Beh, se questo è il rinnovamento che rappresentano Marongiu e i suoi accoliti, c’è da stare davvero poco tranquilli. Comunque il Pd di Lanciano ha finalmente mostrato la sua vera indole, quella che relega una donna al ruolo di ingombrante soprammobile da corridoio. I cittadini, però, sapranno fare le proprie valutazioni”. Il riferimento, naturalmente, è al ballottaggio del 17 e 18 ottobre prossimi. 08 ott. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

La foto è di Valdichianaoggi.it

totale visualizzazioni: 2376

Condividi l'Articolo