Lanciano. Fratelli d'Italia: 'Siamo pronti a battere Pupillo'. Ecco il nuovo direttivo
GUARDA LE FOTO

Si accendono i motori. In vista delle elezioni comunali del prossimo anno a Lanciano (Ch), Fratelli d’Italia (FdI) scende in pista. Anticipando quelli che potrebbero essere i futuri alleati del centrodestra, il partito della Meloni si “struttura” a livello cittadino. E lo fa con la presentazione di uomini e ambizioni di “Lanciano 2021: una sfida concreta”, nella Casa di comversazione.

Alla presenza dei rappresentanti del partito, Etel Sigismondi coordinatore regionale, Antonio Tavani per quello provinciale e Guerino Testa, capogruppo in Regione, presentato il nuovo direttivo cittadino, ossia Paolo Bomba capogruppo (ex vicesindaco ed assessore nella Giunta che fu di Filippo Paolini nonché attuale consigliere comunale); Ombretta Mercuri portavoce, Roberto Gargarella (consigliere comunale), Gianluca D’Intino, Marco Di Domenico (ex assessore all'Urbanistica enlla Giunta Paolini), Camillo D’Orsogna, Donato di Fonzo (ex presidente del Consiglio comunale nel primo mandato del sindaco Mario Pupillo) e Gabriele Di Bucchianico (consigliere comunale), quest’ultimo con delega ai Rapporti con le altre forze politiche del centrodestra lancianese.

Per Tavani “Fratelli d’Italia è la casa della destra italiana, la casa che ha in Giorgia Meloni determinazione e ambizioni da leader. "Siamo pronti per governare Lanciano”, afferma.

Gabriele Di Bucchianico rilancia: "A Lanciano è intervenuto lo stato maggiore di FdI, a dimostrazione della sinergia che c’è fra la dirigenza locale e quella regionale. Siamo un partito con una rinnovata classe dirigente che si candida a trainare il centrodestra della città verso al vittoria del 2021, e dovrà essere una compagine composta da partiti e liste civiche che si riconoscono nel campo di gioco alternativo al disastro di questi nove anni targati Pupillo. Noi di FdI ci faremo promotori di un tavolo di centrodestra e liste civiche all’interno del quale saremo garanti del fatto che ognuno ci sarà con pari dignità. Ognuno dovrà proporre la migliore personalità per guidare la città nel prossimo quinquennio. Siamo sicuri che da questo tavolo uscirà non il miglior candidato sindaco di FdI ma il miglior sindaco per Lanciano e i lancianesi”.

Secondo voci di corridoio le ambizioni a sindaco nei partiti di centrodestra sono rappresentate per la Lega da Danilo Ranieri, per Fratelli d’Italia da Paolo Bomba e per una civica dall’ex-sindaco Filippo Paolini, quest'ultimo pronto a rimettersi in campo. Dalle voci ai fatti bisogna attendere la fine dell'estate quando nelle "segrete stanze" si metteranno sul tavolo ambizioni e progetti.

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 1169

Condividi l'Articolo