Sevel. Inizio anno... col botto: +40% di produzione rispetto al 2020. Da maggio 18 turni

I primi tre mesi del 2021 del colosso Stellantis parlano generale flessione dei volumi produttivi, con richiesta di cassa integrazione in tutti gli stabilimenti, tranne che alla Sevel di Atessa (Ch). 

La Fim Cisl, con il segretario nazionale Ferdinando Uliano, fa il punto della situazione nello stabilimento del Ducato, annunciando per il 15 aprile un incontro con vertici del gruppo metalmeccanico. 

"Le produzioni dei veicoli commerciali - analizza la Fim - pesano per oltre il 39% del totale sulla produzione trimestrale. Con 81.480 furgoni realizzati in Val di Sangro si è incrementata del 40% la produzione del 2020. Superata positivamente la verifica dell’anti-trust europeo, sono assicurate le potenzialità di crescita produttiva dello stabilimento abruzzese". Che, attualmente conta 5.940 dipendenti e che l'anno scorso, in piena pandemia da Covid-19, ha prodotto 257.026 veicoli, contro i 293.216 del 2019.

Sevel, fabbrica leader di Stellantis Professional, viaggia a pieno regime, dunque.  La crescita dei volumi è dovuta a un incremento dell’uso dei veicoli commerciali leggeri nelle vendite on-line e ad una forte richiesta nel settore dei camper. "Questo - rimarca Uliano - ha favorito nell’ultimo periodo l’inserimento di circa 800 tra lavoratori con contratto di somministrazione, a tempo determinato e indeterminato. L’aumento dei somministrati si è determinato anche a causa dei vincoli introdotti dal Decreto dignità che ha portato Stellantis ad utilizzare la somministrazione a tempo indeterminato. Nei prossimi mesi, come sindacato, riteniamo sia indispensabile aprire una discussione con il Gruppo, per costruire percorsi di assunzioni dirette di questi lavoratori che operano con continuità e senza interruzioni".

Il 2 maggio, intanto, si partirà, come ufficializzato, con i 18 turni, uno aggiuntivo notturno di domenica. Cambiamento che resterà in vigore per tutto l'anno. Di questo si è parlato, oggi, in un incontro tra Uilm, Fim, Fismic, Uglm e Aqcf e direzione. Dal 12 aprile, poi, saranno impiegati 160 lavoratori, di cui 100 trasfertisti e 60 somministrati. In aggiunta dal 19 aprile ci saranno altri 140 inserimenti per un totale di 300 lavoratori che saranno a disposizione per il turno compensativo sulla notte. Saranno richiamati i 47 somministrati non riconfermati a febbraio. Nella riunione si è convenuto che il turno della domenica notte sarà incentivato con 25 euro lorde. La Uilm ha richiesto che venissero verbalizzate le posizioni delle organizzazioni presenti e ha sollecitato un incentivo pari al sabato pomeriggio (35 euro) e che vengano fatte assunzione locali e stabilizzati gli attuali somministrati in staff leasing.

"Sul fronte del prodotto, quest'anno, - riprende la Fim nazionale - oltre a prevedere un forte e significativo restyling del Ducato volto ad ammodernarlo e migliorarlo ulteriormente, sarà lanciata anche la versione con motorizzazione elettrica. Chiederemo inoltre ai vertici di Stellantis Europe la conferma degli investimenti programmati e informazioni puntuali sulle produzioni commerciali nello stabilimento in Polonia".  08 apr. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 8726

Condividi l'Articolo