C’è tempo fino al prossimo 27 febbraio per le domande di assegnazione di nuovi voucher formativi nel settore agricolo e forestale. Ad annunciarlo è il vicepresidente della Giunta regionale con delega all'Agricoltura, Emanuele Imprudente.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

La Regione Abruzzo, dopo l’aggiornamento del catalogo dell’offerta formativa, che prevede attualmente 330 corsi, prosegue nella promozione e trasferimento delle conoscenze tecnico-gestionali e nel rafforzamento delle competenze dei giovani che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola, degli operatori agricoli e forestali e loro dipendenti e coadiuvanti. Le risorse messe a disposizione dal PSR 2014/2020 ammontano a 1.900.000 euro e i voucher assegnati copriranno il 100% delle spese formative.

I soggetti interessati possono inoltrare le domande esclusivamente attraverso l’apposito link: https://sportello.regione.abruzzo.it/ , accedendo al Catalogo dei Servizi, Sportello Agricoltura. L’accesso allo Sportello è consentito esclusivamente tramite Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di livello 2 e la presentazione della domanda è consentita all’interessato o ad un proprio delegato. Nella medesima sezione per l’inoltro delle domande è attiva anche una specifica funzione dedicata alle Faq. "Vogliamo essere al passo coi tempi - commenta Imprudente - e consentire oltre all'adeguamento delle attività formative alla repentina evoluzione tecnologica e normativa di settore anche la trattazione di tematiche più attuali ed innovative come la coltivazione e la lavorazione della canapa light, la coltivazione e la trasformazione di prodotti per l'alimentazione vegan e gluten free, la diversificazione e multifunzionalità dell'azienda agraria, le nuove frontiere del web marketing in agricoltura, la resilienza e l'adattamento ai cambiamenti climatici, l'efficientamento idrico ed energetico delle imprese agricole". 05 feb. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1576

Condividi l'Articolo