Spari a Montesilvano dopo lite tra giostrai a Lanciano. Sequestrata pistola, una denuncia

Prima la lite, con spranghe e tirapugni, in piazza Memmo a Lanciano (Ch), poi, la stessa sera, colpi di arma da fuoco esplosi a Montesilvano (Pe).

Ha avuto un seguito, grave e pericoloso, la furibonda disputa che si è accesa nel pomeriggio di giovedì scorso, 9 settembre, tra due famiglie di giostrai di Lanciano e  Montesilvano, in cui ad avere la peggio sono stati i componenti del gruppo pescarese.

Una quindicina i partecipanti alla violenta zuffa, tra i quali una decina del posto, dai 20 anni in su, e quattro di Montesilvano. Scene da far west, nel luna park montato per le tradizionali Feste di settembre legate alla Madonna del Ponte, con botte da orbi. E con bilancio finale di cinque feriti, nessuno dei quali ha voluto sporgere denuncia. Sul posto polizia e ambulanze, ma nessuno è voluto andare in Pronto soccorso per farsi medicare. Fatti sui quali tutti tacciono: bocche cucite con le forze dell'ordine.

E, dopo sganassoni e calci, col buio, da Lanciano, sarebbe partito un commando, stando a quanto ricostruito dagli investigatori. Nottetempo, infatti, in via Cavallotti, a Montesilvano, ci sono stati... misteriosi spari, a scopo intimidatorio, all'indirizzo dell'accampamento nomadi dove vive la famiglia coinvolta nella scazzottata. Episodio su cui ci sono anche accertamenti dei carabinieri della locale compagnia.

Il giorno seguente sono scattate perquisizioni, acquisizioni di filmati di telecamere di videosorveglianza e controlli da parte della Squadra mobile di Chieti, diretta dal vice questore aggiunto Miriam D’Anastasio, che segue la vicenda insieme al commissariato frentano. Blitz nella zona di via per Treglio e nel quartiere Santa Rita a Lanciano. E, durante le verifiche, è saltata fuori una pistola, finita sotto sequestro. Potrebbe essere la stessa usata a Montesilvano, ma questo deve essere ancora stabilito. Come pure va accertato a chi appartenga l'arma.

Intanto uno dei picchiatori, un 46enne di Lanciano, è stato denunciato alla Procura per lesioni e minaccia aggravata.

La discussione, sfociata in aggressione, potrebbe, come in passato, essere nata mentre i due gruppi cercavano di contendersi i posti migliori per sistemare le proprie giostre.

Dopo quanto accaduto Lanciano è blindata da polizia e carabinieri. 11 set. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3769

Condividi l'Articolo