Riempiono camion di prosciutti e salumi, sfondano cancello e spariscono. Furto in azienda di Tornareccio
GUARDA LE FOTO

Sono entrati dal retro dello stabilimento e hanno fatto incetta di prosciutti - circa un migliaio quelli sottratti - e di una caterva di salumi. E' stato un vero e proprio commando, super organizzato, quello che, la scorsa notte, è entrato in azione, a Tornareccio (Ch), all'interno della nota azienda Altobello Carni, appartenente alla famiglia Iannone e che si trova a circa tre chilometri dal paese, sulla statale 364 che va verso Colledimezzo (Ch). 

Il colpo è stato messo a segno con calma, fino alle 3, come si evince dalla registrazione delle telecamere di videosorveglianza, che hanno ripreso l'accaduto nei particolari. "E ad agire - racconta Francesco Iannone, che è titolare dell'impresa assieme alla sorella Cinzia (vedi foto) - sono stati in otto o dieci. Comunque erano tanti". Scavalcata agilmente la recinzione, hanno rotto una porta e una finestra e si sono diretti nel reparto "Stagionatura", al primo piano, dove hanno cominciato a prelevare i prosciutti. "Tutti pregiati e già pronti", spiega Iannone.  

"Quindi - aggiunge - si sono impossessati di un camion della ditta, che era nel piazzale esterno. Hanno formato una catena umana e si sono passati i prosciutti l'uno con l'altro, fino a lanciarli fuori da una finestra, dove c'erano alcuni complici che li sistemavano sul tir. Hanno caricato anche una decina di pedane di salumi preparati per la vendita". 

Quindi si sono appropriati anche di un furgone Doblò. Con il camion carico, che ha funto da ariete, hanno sfondato il cancello e se la sono svignata tra le tortuose strade collinari della zona fino a raggiungere la Fondovalle Sangro. Su questa strada, in territorio di Bomba, è stato infatti ritrovato il furgone. L'accaduto è stato scoperto stamattina, alle 7, quando titolari e dipendenti sono arrivati sul posto per una nuova giornata di lavoro.  

Il valore dei prodotti rubati, dai primi calcoli, è di circa 200 mila euro. "E poi ci sono il camion e tutti i danni, ingenti". Altri 100mila euro. "Hanno pure distrutto mezzo mondo... Ci hanno messo in ginocchio", si commuove Iannone.  Ci sono indagini dei carabinieri di Atessa (Ch).

La storia di Altobello Carni, che commercializza prosciutti italiani e ha anche rapporti con l’estero, comincia nel 1928. L'attività di trasformazione dei prodotti, in una struttura tecnologicamente avanzata, è stata intrapresa nel 1986. 

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nelle foto l'azienda Altobello Carni, i suoi prodotti e i suoi titolari

totale visualizzazioni: 5050

Condividi l'Articolo