Pescara. Manifestazione 'No green pass': prime otto denunce

Ci sono le prime otto denunce per la manifestazione, non autorizzata, "No green pass" che, sabato scorso,  si è tenuta a Pescara e a cui hanno partecipato in circa un migliaio.

Sono i primi numeri forniti dalla Questura di Pescara e in particolare dal vice questore Irene Vizioli.  La polizia ha raccolto un'ampia documentazione, con foto e riprese video,  come voluto dal questore Luigi Liguori. "E' un lavoro complesso - dicono in Questura -: questo è un primo bilancio, ma le denunce sono destinate a crescere, perché i controlli continuano".  

In strada a contestare la certificazione verde, ma anche i vaccini e la dittatura sanitaria in atto da parte del Governo, intere famiglia con bambini, giovani ma anche ultrasettantenni. Nella maggior parte dei casi senza mascherina. "Un popolo del no molto vario". 

Tra i segnalati alla Procura anche Roberto P., ginecologo radiato dall'Ordine dei medici negli anni scorsi e un avvocato iscritto al foro di Napoli ma che lavora in Abruzzo: lui era tra quelli che hanno aggredito gli esponenti di Forza Italia che stava raccogliendo firme per il referendum sulla giustizia. Ha persino sferrato un calcio contro il tavolo.  26 lug. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1126

Condividi l'Articolo