Locale sporco e scattano i sigilli. La polizia di Lanciano, in questi giorni, sta effettuando controlli negli esercizi pubblici riguardo alla regolarità della somministrazione di alimenti e bevande. E, per ora, il risultato è la chiusura di un bar del centro di Lanciano (Ch), trovato, anche dagli ispettori della Asl Lanciano Vasto Chieti, in gravi condizioni igienico-sanitarie, mentre il gestore di un altro bar è stato sanzionato per aver dato alcol a due minorenni. Quanto al bar chiuso, sarebbero state rinvenute muffe e lordura nel bagno, incrostazioni sull’affettatrice, fornelli da cucina anneriti per l’assenza di pulizia e frigorifero lercio. Gli agenti hanno scattato foto per immortalare lo stato dei luoghi. Il posto potrà riaprire solo dopo essersi messo a norma. Le verifiche sono state predisposte dal questore di Chieti, Ruggiero Borzacchiello, con l’ausilio degli uomini dell’Anticrimine di Pescara, Divisione polizia amministrativa della Questura e commissariato di Lanciano, e coordinate dalla dirigente Lucia D’Agostino.

In materia di prevenzione e contrasto ai reati contro il patrimonio e spaccio di droga, la polizia ha identificato numerosi automobilisti e controllato 200 vetture. In nottata la Scientifica, unitamente ai vigili del fuoco, è anche intervenuta anche per un incendio sviluppatosi in contrada Santa Maria dei Mesi dove ha preso fuoco una enorme catasta di legna vicino a un’abitazione, posta a rischio. In un primo momento si è sospettata la matrice dolosa, poi esclusa dalle successive indagini.  L’innesco accidentale potrebbe essere partito da un mozzicone di sigaretta; il vento ha poi fatto il resto  alimentando le fiamme, che sono state spente dopo due ore di lavoro.

Walter Berghella      

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 8640

Condividi l'Articolo

Articoli correlati