Palloncini e strazio. A Montesilvano l'addio ai fratellini cinesi morti annegati ad Ortona. Aperta inchiesta
GUARDA LE FOTO

Bare bianche, palloncini e un dolore immenso. Montesilvano (Pe), la città in cui vivevano, ha dato questo pomeriggio l'ultimo saluto ai due fratellini cinesi annegati il 15 agosto scorso nello specchio di mare antistante la spiaggia del Foro ad Ortona (Ch).

In centinaia sono arrivati al cimitero per portare il proprio cordoglio alla famiglia. Le salme sono giunte dall'ospedale di Chieti, dove ieri è stata effettuata l'ispezione cadaverica, e hanno sostato per qualche attimo in corso Umberto davanti al negozio dei genitori "Sol Levante", dove i piccoli giocavano spesso. 

Xu Zhen, 14 anni, e Jiaheng Xu, in italiano Alessandro e Federico, come è stato scritto sul manifestino funebre, sono morti nel mare mosso, che li scaraventi contro una scogliera frangiflutti. La tragedia si è consumata davanti agli occhi del padre, Gianni, che, vedendo i figli in difficoltà, ha provato invano a raggiungerli. La mamma, Giulia, era sulla spiaggia, con il bimbo più piccolo, Lorenzo.

La Procura di Chieti ha aperto un fascicolo. Sull'accaduto sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri della compagnia di Ortona e della Capitaneria di porto. I sindaci di Ortona e Montesilvano, Leo Castiglione e Ottavio De Martinis, hanno espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia. E a Montesilvano, dove gli Xu stanno da 15 anni, il sindaco ha proclamato il lutto cittadino, "interpretando il sentimento dell'amministrazione comunale e della comunità per la drammatica scomparsa dei bambini".

Il presidente della Società di Salvamento di Pescara e referente nazionale per l'Abruzzo della Confcommercio, Cristian Di Santo, ricorda che "la tragedia accaduta ripropone più che mai il problema del controllo delle spiagge libere: il nostro è un appello a enti e istituzioni, affinché si lavori per risolvere il problema".  I bagnini che operano negli stabilimenti di Pescara e Montesilvano oggi, alle 17.15, hanno osservato un minuto di raccoglimento portando in mare il pattino di salvataggio e sollevando un remo in segno di lutto. E i balneatori, sollecitati dal presidente del Sindacato balneari di Confcommercio Pescara, Riccardo Padovano, hanno sospeso ogni attività per un minuto. 

Al camposanto, per l'addio, anche i compagni di classe dei due ragazzini, che hanno frequentato la terza media e la quinta elementare dell'istituto comprensivo Villa Verrocchio. "Alessandro e Federico - è stato detto - con il loro sorriso e con la loro dolcezza hanno conquistato tutti e rimarranno per questo nei nostri cuori". Loro come "una scintilla in grado di illuminare il buio della sofferenza e di far sperare nel sole". 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3719

Condividi l'Articolo